Omicidio Pavone, confermati i 19 anni di carcere a Gagliardi

Nessuno sconto e nessun aggravio di pena per Vincenzo Gagliardi, l’uomo che il 30 settembre del 2013 a Montesilvano (Pescara) uccise con un colpo di fucile alla testa Carlo Pavone. La Cassazione ha confermato per l’imputato la condanna a 19 anni di reclusione, respingendo le istanze presentate da accusa e difesa con obiettivi opposti. Il procuratore generale aveva chiesto la conferma della sentenza di appello che aveva ridotto la pena a Gagliardi dall’ergastolo a 19 anni di reclusione, eliminando l’aggravante della premeditazione, respingendo così sia le motivazioni addotte dal procuratore generale d’appello, Romolo Como, che aveva impugnato la decisione della Corte aquilana, sia il ricorso dell’imputato che chiedeva l’assoluzione per mancanza di prove. La parte civile (rappresentata dall’avvocato Massimo Galasso per conto della sorella della vittima) aveva invece insistito nel riconoscimento della premeditazione.

L’ingegnere Carlo Pavone venne colpito alla testa da un colpo di fucile mentre sotto casa stava buttando l’immondizia. Andò subito in coma e non riprese mai conoscenza fino alla morte che sopraggiunse un anno dopo. Gli inquirenti avevano subito individuato il presunto responsabile, Vincenzo Gagliardi, che aveva una relazione sentimentale con la moglie di Pavone, Raffaella D’Este, sua collega alle Poste. L’autopsia stabilì che a raggiungere Pavone alla testa fu un colpo di fucile Flobert calibro 9. Ed è proprio sull’arma, peraltro mai ritrovata, che si incentrò la discussione sulla premeditazione: perché Gagliardi, che ha sempre negato il fatto, qualche settimana prima dell’agguato all’ingegnere aveva navigato su internet per sapere a quale distanza potesse essere fatale un colpo sparato da un Flobert calibro 9. Altro aspetto preso in esame fu quello relativo all’ora precisa della morte per verificare se l’imputato avesse o meno avuto il tempo di uccidere Pavone, a Montesilvano, e tornare a casa sua a Chieti Scalo, dove disse di trovarsi all’ora del delitto. Secondo gli investigatori ci sarebbe stato tutto il tempo per mettere in atto il piano. Nel suo ricorso il pg Romolo Como aveva anche contestato la motivazione della Corte d’appello che escluse la premeditazione sulla base di una sentenza della stessa Cassazione in relazione alla distanza di tempo tra l’omicidio e la ricerca su internet fatta da Gagliardi.
Gioved├Č 12 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:24

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP