Frosinone, duplice omicidio in cava a Coreno,
ieri il sopralluogo del perito della Corte d'Appello

Gli avvocati della difesa con il consulente Romano
di Vincenzo Caramadre
Duplice omicidio dei fratelli Pino e Amilcare Mattei: ieri il sopralluogo del perito, il professor Francesco Romolo, nominato dalla Corte d’Assise d’appello di Roma, nella cava di via Passeggera a Coreno Ausonio, con il compito ricostruire la scena del crimine nell'ambito del processo d'appello a Giuseppe Di Bello condannato in primo grado all'ergastolo. 
Ieri, appunto, il sopralluogo alla presenza degli avvocati della difesa Giuseppe Di Mascio, Bruna Colacicco e il consulente Marco Romano. Presente ovviamente la famiglia delle vittime e i carabinieri della stazione di Ausonia.
Il perito dovrà quindi rivalutare  la scena del crimine e ricostruire quelli che sono stati gli ultimi momenti di vita dei fratelli Pino è Amilcare Mattei freddati con alcuni colpi di pistola all'interno della loro Cava a Coreno nella notte fra il 7 e il 8 novembre del 2014. In quella cava la stessa notte rimase ferito Giuseppe di Bello il quale stando alla ricostruzione degli inquirenti e alla sentenza di primo grado quella notte è arrivato per commettere un furto, ma il sistema di fotocellule inserite dai proprietari della Cava permisero di individuarlo e all'arrivo ci fu un conflitto a fuoco. Giuseppe di Bello, però, ha sempre sostenuto che si trovava in quella zona perché era andato ad abbeverare il bestiame. La sentenza d’appello è attesa tra qualche mese.
Mercoled├Č 10 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 11-01-2018 15:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP