Nuova Toponomastica, 2000 cittadini ancora senza indirizzo

Comune di Ferentino
di Emiliano Papillo
Il comune di Ferentino ha pubblicato un avviso pubblico sul sito istituzionale con il quale richiama oltre 2000 cittadini che, malgrado la muova Toponomastica di fatto realizzata già da un paio di anni, ma ancora in fase di collaudo, non hanno comunicato la variazione di indirizzo. Dovranno recarsi nel piu' breve tempo possibile all'Ufficio Anagrafe del centro ernico. Si tratta per lo piu' di cittadini residente sulla via Casilina, via Morolense, Tofe, Cartiera, Bagni Roana, Forma Coperta, via Stazione. Dovranno recarsi all'Ufficio Anagrafe con un documento di identità, la denominazione della nuova via, del numero civico e con la ricevuta del pagamento del mattoncino con il numero. Ogni variazione di numero con il mattoncino, costa 5 euro. La situazione ed il motivo dell'avviso pubblico è stato spiegato ieri dalla segreteria generale del comune di Ferentino. "Da nostre verifiche risulta che 2000 cittadini, pari a circa il 10% non si sono mai recate al comune neanche quando in fase di realizzazione della nuova Toponomastica dovevano richiedere un foglio momentaneo che annunciava la nuova via ed il numero civico- ha spiegato la segreteria generale di Ferentino- ora la Toponomastica è in fase di collaudo ed i cittadini debbono recarsi al piu' presto al comune per comunicare la variazione. Chi non abbia poi alcun foglio provvisorio deve anche verificare all'ufficio urbanistico il cambio dalla vecchia denominazione della residenza a quella nuova". "Queste operazioni- ha aggiunto la segreteria generale- non comporteranno ulteriori spese per i cittadini in quanto non si dovrà rinnovare la patente di guida, il libretto di circolazione o la carta d'identità, ma ricevere la modifica che verrà affiancata agli attuali documenti. Oltre ad un fatto di legge in quanto ognuno deve comunicare la variazione della residenza o la denominazione della strada e del numero civico, si tratta anche di senso civico per non creare problemi di notifiche, comunicazioni o anche eventuali soccorsi".
Gli attivisti del movimento regionale Animalisti nella giornata di ieri hanno protestato per le condizioni di un mattatoio dove gli animali soprattutto bovini verrebbero trattatati in modo violento dagli operatori del mattatoio. La protesta si è divisa in due fasi: la prima davanti alla sede della Asl di Frosinone, la seconda lungo la via Casilina. Gli animalisti hanno redatto un dossier con il quale denunciano il trattamento degli animali trattati in modo non consono.
Gioved├Č 18 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:40

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP