Pescia, da anni teneva la madre morta in casa per riscuotere la pensione: tradita da guasto alla caldaia

Era riuscita per anni a «proteggere» il suo segreto, ma alla fine è stata «tradita» da un guasto alla caldaia, che le impediva di accendere il termosifone e di utilizzare l'acqua calda dopo l'improvviso ritorno delle temperature rigide di questi giorni. È stata quindi costretta a chiedere una mano ai vicini di casa, che si sono però insospettiti da quel suo deciso rifiuto di farli entrare in una camera e si sono così rivolti alla polizia. È così che è stato trovato il cadavere di Marina Bruni, che oggi avrebbe 90 anni, residente con la figlia 51enne a Pescia (provincia di Pistoia).

A trovare il corpo, occultato in una stanza dell'abitazione della donna, avvolto in sacchi, stracci e coperto da un materasso, è stata la polizia, allertata dai vicini, che avevano segnalato condizioni igieniche precarie e strani odori provenienti dall'appartamento. Il dirigente del locale commissariato, il vicequestore aggiunto Raffaella Papaccioli, riferisce che «il corpo trovato era in avanzato stato di decomposizione, in condizioni compatibili con un decesso avvenuto da diversi anni».

La salma è stata quindi affidata all'autorità giudiziaria, che ne ha disposto l'esame autoptico, in programma domani. Questo dovrebbe essere in grado di stabilire con una certa esattezza la data e - altro elemento di estrema importanza - la causa della morte dell'anziana. Sembra che alla base della vicenda ci siano ragioni economiche: la figlia avrebbe infatti continuato per anni a riscuotere la pensione di vecchiaia della madre morta (unica sua fonte di reddito e sostentamento) e pertanto è stata denunciata per truffa ai danni dello Stato e occultamento di cadavere.

La 51enne (che al momento si trova in cura presso i servizi sociali all'ospedale di Pescia per le necessarie valutazioni di natura psicologica e psichiatrica), viveva con la mamma, dopo la morte del padre, avvenuta una decina di anni fa. I vicini anche raccontato di aver trovato una casa molto sporca e in completo disordine (con panni e scarpe ammassate in vari punti), ma dove erano presenti numerose confezioni di deodorante: per questo si sono insospettiti, anche tenendo conto del fatto che non vedevano la novantenne da molto tempo. All'arrivo della polizia e dei vigili del fuoco la signora non ha opposto resistenza e ha consegnato loro le chiavi della stanza dove è poi stato trovato il cadavere.
Giovedì 20 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 23-04-2017 23:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2017-04-20 19:38:59
uno PSYCO di natura economica
2017-04-20 22:02:19
Non è la prima volta che succede e ci si domanda come mai non esista un "reddito di cittadinanza" o pensione di reversibilità o di disoccupazione per questi casi, più frequenti di quanto si creda. Per quale motivo una donna giovane senza figli riceve la pensione del marito per decine di anni,mentre una donna (o uomo) in età matura non riceve nulla anche quando non ha fonti di sostentamento e non è ancora in età pensionabile.
2017-04-21 13:43:02
a 51 anni non avrebbe avuto la pensione sociale.
2017-04-21 10:36:16
Tutti i pollice verso al commento di peter58 2017-04-20 23:48:27 fanno capire come mai in Italia ci siamo ridotti in queste condizioni!!!
2017-04-21 14:33:10
Se per le pensioni si evita di riportare la morte e si nascondono cadaveri, il reddito di cittadinanza aumenterebbe il fenomeno anche ai non pensionati perchè la gente non si accontenterebbe di avere il proprio ma prenderebbe anche quello dei morti (senza considerare la spinta al lavoro nero e a forme di reddito illegali)
16
  • 4,7 mila
QUICKMAP