Roma, Appia Antica off limits per le auto: ​transito solo per bus e Ncc. Ticket per l'ingresso in centro

«L'Appia Antica è un parco archeologico importantissimo e va difeso. Stiamo per chiudere una conferenza dei servizi che vedrà l'istituzione di varchi sull' Appia Antica. Il transito sarà consentito solo a mezzi pubblici,taxi e ncc» Questo stimiamo che ridurrà l'impatto del traffico privato dell'80%-90%. Quando entreranno in vigore i varchi? Secondo me per l'estate avremo concluso questa operazione«. Lo annuncia l'assessore alla Mobilità di Roma Linda Meleo a ELive Roma TV.

«Spesso sono andata a fare dei sopralluoghi sull' Appia Antica, spesso in bici e ho rischiato la vita, perché percorrerla di sabato pomeriggio è molto pericoloso - ha spiegato Meleo -. In virtù di questo ma anche del fatto che l' Appia Antica è un parco archeologico importantissimo patrimonio dell'Unesco e va difeso». Secondo Meleo i varchi «ridurranno drasticamente il traffico dell'auto privata. Non possiamo più ammettere che auto private passino in maniera incondizionata in un parco archeologico a cielo aperto. E in più ci sarà un varco nella zona di Porta San Sebastiano che impedirà l'accesso dal centro verso la periferia di quella parte dell' Appia.

Ciò significa che il tratto dove ci sono le attività commerciali potrà essere accessibile solo passando da via Ardeatina, per poi tornare indietro. Questa è un ottima notizia per chi crede che l' Appia Antica vada tutelata e debba essere un patrimonio messo a disposizione di cittadini e turisti. Quando entreranno in vigore i varchi? Stiamo per chiudere la conferenza dei servizi, poi ci sarà una delibera di giunta di qui a breve e la realizzazione dei lavori. Secondo me per l'estate avremo concluso», la sua risposta.

Entro il 2018, inoltre, il Campidoglio pianifica una stretta per le auto in centro e un carnet di ingressi, con prezzi differenti tra residenti e non, per accedere all'area subito successiva. «Il ticket di entrata in città è un mezzo sia per limitare l'inquinamento, sia per far sì che chi inquina possa pagare per quello che inquina, per poi reinvestire le risorse in attività di mobilità sostenibile - ha spiegato l'assessore alla Mobilità Linda Meleo a Elive Roma Tv -. L'idea è di creare di qui al 2018 una Ztl centro storico veramente molto chiusa e una zona intermedia tra Ztl centro storico e Anello Ferroviario in cui verrà applicato questo ticket all'ingresso. Per applicare questo modello con il ticket all'ingresso, abbiamo bisogno di chiudere un'altra zona con le telecamere e in parte già lo stiamo facendo con la Ztl per i veicoli a motore (abbiamo già montato 21 telecamere) e con risorse cha abbiamo a disposizione da qui al prossimo anno, anno e mezzo chiuderemo un nuovo anello e lì applicheremo le nuove politiche per la mobilità sostenibile».
Giovedì 20 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 22-04-2017 08:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2017-04-21 12:13:49
Non me ne voglia, ma vede il problema è proprio lei che vive nei Castelli e deve recarsi a Roma. E come lei tutti gli altri che vivono ben lontani da Roma e che "pendolano " ogni giorno. Dovrebbero essere decentrate tutte le attività pubbliche e private di una certa importanza, ministeri, ambasciate, ospedali generali, centri universitari e così via. Anche perché i servizi pubblici non saranno mai adeguati alla bisogna neanche entro l'anno XX della prossima era grillina.
2017-04-21 10:09:35
Diciamolo chiaramente: l'accesso alle zone centrali oltre che al centro vero e proprio di Roma sarà una possibilità riservata più facoltosi. La plebe può stare tranquillamente nelle sue periferie o comuni limitrofi e ivi condurre i propri affari.
2017-04-21 13:13:04
I tentativi di ridurre il traffico, l'inquinamento e preservare aree monumentali sono sempre benvenuti. Ma così come scrissi al sindaco Marino relativamente alla chiusura di V. Fori imperiali, tali progetti devono essere inseriti in un contesto di parcheggi di scambio e miglioramento dei servizi di trasporto pubblico (!). E' facile vietare, ma ciò, soprattutto in Italia, si tramuta automaticamente che i poveri peones sono esclusi a danno dei ricchi o dei furbi o della casta: ad es. tutte le auto minesteriali o di rappresentanza, ecc. dovrebbero subire una riduzione. Ma tanto a quei signori non interessa: entrano e passano in ogni zona. Civiltà e rispetto ?
2017-04-21 08:15:03
Bravo, così intasiamo ulteriormente Appia Nuova e Tuscolana.
2017-04-21 07:49:07
Questi sono in completo delirio. Già il traffico in quelle zone é congestionato, per cui oltre a dare ulteriori concessioni ai palazzinari, chiudono anche le vie transitabili.
33
  • 575
QUICKMAP