Trapani, inchiesta per corruzione: indagati Crocetta e Vicari. Il sottosegretario: «Mi dimetto»

Anche il governatore siciliano Rosario Crocetta risulta indagato nell'inchiesta che ha coinvolto l'armatore Ettore Morace. Il presidente della Regione è accusato di concorso in corruzione e avrebbe ricevuto un avviso di garanzia notificato dai carabinieri. 

Il sottosegretario alle Infrastrutture Simona Vicari (Ap) è indagata per corruzione nell'ambito dell'indagine che a Trapani ha portato all'arresto, tra gli altri, dell'armatore Ettore Morace. In cambio di un orologio datole dall'imprenditore, secondo l'accusa, avrebbe presentato un emendamento che abbassava l'Iva sui trasporti marittimi, consentendogli di risparmiare milioni di euro.

Stamani i carabinieri di Trapani e Palermo hanno arrestato per corruzione l'armatore Ettore Morace, figlio del patron del Trapani calcio Vittorio, entrambi proprietari della compagnia di traghetti Liberty lines, che collega Trapani alle isole minori, il deputato regionale Girolamo Fazio, candidato a sindaco di Trapani alle prossime amministrative, e il funzionario della Regione siciliana Giuseppe Montalto. L'indagine è coordinata dalla Procura di Palermo.

Ieri un altro candidato, il senatore di Fi Antonio D'Alì, processato per concorso in associazione mafiosa, aveva annunciato la sospensione della campagna dopo aver saputo che la Dda aveva chiesto per lui il soggiorno obbligato.

Fazio è già stato sindaco di Trapani fino al 2012. È un imprenditore del settore vinicolo. Ex alleato del senatore Antonio D'Alì, ora suo concorrente alle prossime amministrative, ha poi lasciato Forza Italia.

L'inchiesta ruoterebbe attorno a tangenti su fondi per il trasporto marittimo. La famiglia Morace è da sempre vicina a Fazio. La moglie del patron della compagnia, Vittorio Morace, padre dell'arrestato, è nella lista degli assessori designati da Fazio.


Dimissioni di Vicari. «Poichè la mia permanenza nell'incarico di sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture comporterebbe di affrontare quotidianamente una materia per la quale sono oggi sottoposta ad indagine, al fine di garantire a me e al mondo che è maggiormente interessato al trasporto marittimo e a tutto il Governo che ho avuto l'onore di rappresentare, una maggiore serenità, ritengo opportuno rassegnare le mie dimissioni»: lo ha detto il sottosegretario alle Infrastrutture Simona Vicari dopo l'inchiesta che la coinvolge.
Venerdì 19 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-05-2017 10:18

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2017-05-20 11:20:18
Che monnezza di gente .
2017-05-20 07:08:21
Che brava gente!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
2017-05-20 02:21:06
notizia che trova posto in alcuni trafiletti dei quotidiani nazionali e nelle versioni online la trovi giù giù dopo aver girato la roteliina del mouse almeno 3 volte, e tra 2 giorni magari non se ne parla più...magari il PD non fa più notizia, peccato non sia coinvolto un político M5S, titoloni e prime pagine garantite per almeno 10 giorni
2017-05-19 19:29:00
direi di commissariare con il prefetto Tronca (esempio) ed eviare le elezioni, questo vale in generale anche x la Sicilia si risparmierebbero soldi che potrebbero essere spesi ad esempio per ripulire dalla spazzatura la SS da Partinico a Monreale che sembra un quasi una discarica
2017-05-19 18:41:11
Dai che tra tre minuti esce l'asso de Bastoni.
25
  • 289
QUICKMAP