Roma, dal mare al centro: pesca grossa di spigole all'Isola Tiberina

di Giuseppe Motisi
Le spigole risalgono il Tevere e arrivano fino al centro storico di Roma. Si, avete capito bene. Non i cefali, ma le spigole. Qualche giorno fa, infatti, nei pressi dell’Isola tiberina alcuni pescatori sportivi, tra cui Stefano Sanna, che si dilettavano a lanciare le loro esche (per la precisione esche artificiali con la tecnica denominata spinning, ndr) hanno effettuato una cattura che proprio non si aspettavano: una spigola di taglia medio-piccola ha attaccato con voracità l’esca e, dopo una breve lotta, è finita con stupore tra le loro mani. A farle compagnia, dopo ulteriori lanci, altri pesci della stessa specie, tutti all’incirca della medesima taglia.

Come si spiega questo episodio? Forse il Tevere sta migliorando il suo stato di salute tanto da permettere a specie marine come le spigole, che comunque tollerano tranquillamente cambiamenti di salinità, di risalire il fiume fino a Trastevere? In realtà non è la prima volta che si verificano episodi come questo: occasionalmente i pescatori tiberini catturano spigole in città, ma più frequentemente nella zona sud di Roma, come ad esempio nei dintorni di ponte Marconi. Una delle spiegazioni fornite dall’ittiologia è che le spigole, in particolari condizioni di salinità, riescano a risalire il fiume anche per parecchi chilometri, andando a caccia le loro prede preferite: i cefali che popolano abbondantemente l’ex biondo fiume.

Curiosamente la presenza delle spigole nelle acque tra l’Isola tiberina e la Cloaca Maxima, teatro delle insolite catture dei giorni scorsi, è testimoniato anche da Plinio il Vecchio nella sua ‘Naturalis Historia’ e da Orazio, i quali lodavano la bontà gastronomica delle carni di quegli esemplari pescati nelle vicinanze dell’allora principale sbocco fognario dell’Urbe.

Le odierne spigole dell’Isola tiberina hanno tuttavia avuto sorte migliore rispetto alle loro antenate: sono state infatti prontamente rilasciate con ogni cura dai pescatori e un domani, forse, risaliranno di nuovo il fiume di Roma fin nel cuore della città eterna.
Venerdì 19 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-05-19 18:36:30
Miracolo ? Non molto tempo fa il Francesco predicò così: "Orate fratelli, orate...che le spigole son terminate"
2017-05-19 17:35:42
Le spigole si mangiano i topi quindi nulla di sorprendente.
2017-05-19 17:08:26
e' migliorata dunque. Tanti anni fa si pescavano i "cefoli" con la tremolina sotto il ponte di Porta Portese. Difficili, si "slamavano" come niente. Ormai le specie marinare hanno colonizzato il Tevere
2017-05-19 17:31:14
Pescare pesci per poi ributtarli in acqua... boh, se i pesci potessero urlare per il dolore dell'amo questo 'sport' sarebbe impossibile.
4
  • 1,1 mila
QUICKMAP