Ponza, truffa su internet con affitti low cost: versano la caparra ma non trovano la casa

La caserma dei carabinieri di Ponza
di Giovanni Del Giaccio
Invogliati dai prezzi bassi, soprattutto in questo periodo, prenotano e versano la caparra ricaricando una Postepay, ma quando arrivano a Ponza non c'è traccia dell'affittuario e tanto meno della casa che avevano "prenotato" attraverso un sito di annunci.

L'ultima denuncia i carabinieri l'hanno presa oggi, da parte di un gruppo di cittadini di Prato, in Toscana, arrivati con i bagagli per trascorrere il Ferragosto e ritrovatisi senza una sistemazione e senza i 400 euro versati tempo fa per la ricarica. Quando sono andati alla stazione dell'Arma i militari hanno capito subito. Il loro, purtroppo, non è il primo e si teme non sarà l'ultimo caso. 

A quanto sembra sul sito il profilo di chi ha messo in atto la truffa viene cambiato di continuo. L'indagine è aperta. 
Sabato 12 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 14-08-2017 09:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-08-13 08:39:37
Cadere in queste truffe,dovrebbe essere più difficile. Prima di pagare fare controlli telefonare, chiamare le Forze dell'Ordine, il Comune Ufficio Turismo. L'esca del pagare poco per avere tanto dovrebbe essere disinnescata.
1
  • 156
QUICKMAP