L'Aquila, incendio nel parco del Gran Sasso per un campeggio abusivo: 14 indagati

Un incendio vastissimo, che si è esteso per 300 ettari in un'area sottoposta a vincolo ambientale. Ora, con l'accusa di aver provocato un rogo doloso nel Parco Gran Sasso-Laga, dopo aver allestito un campeggio abusivo, 14 persone sono state iscritte sul registro degli indagati dalla procura dell'Aquila. Sotto inchiesta, un gruppo di soggetti tra i 18 e 38 anni, originari del pescarese. Due di loro abitano a Genova e a Torino. L'accusa contestata è incendio colposo.

Per il pm Fabio Picuti, gli indagati sarebbero responabili delle fiamme che, una settimana fa, sono divampate nella riserva naturale. Il rogo è proseguito per giorni e ha divorato più di mille ettari di territorio, scavallando sul versante pescarese del Gran Sasso. I campeggiatori abusivi sono stati identificati dai carabinieri forestali.
Sabato 12 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-08-2017 17:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-08-12 23:17:00
Accusa di incendio colposo? E il campeggio abusivo in zona protetta se lo sono scordato? E dove andavano ad espletare i bisognini e gettare immondizia i campeggiatori? Quindi anche inquinamento! Fategli pagare i danni per il ripristino dell'ambiente e le spese per lo spegnimento....vedrai che non serve la galera, la saccoccia ferita fa piĆ¹ male!
1
  • 5
QUICKMAP