Perizia psichiatrica su Hosni, il tunisino che accoltellò due militari e un agente alla stazione di Milano

Una perizia psichiatrica dovrà accertare se Ismail Tommaso Hosni, il 20enne italo tunisino arrestato per avere aggredito con due coltelli due militari e un agente della Polfer alla stazione Centrale di Milano, lo scorso 18 maggio, era capace di intendere e di volere. Lo ha deciso il gup Roberta Nunnari nel processo abbreviato per tentato omicidio, lesioni e resistenza, che ha accolto la richiesta del legale Giusy Regina, più volte respinta in indagini. Hosni è anche indagato per terrorismo internazionale in un altro filone.

 
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 14-09-2017 11:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2017-09-14 08:24:30
Se sulla capacitĂ  d'intendere e di volere facessimo il test a tappeto, non so quanti ne uscirebbero indenni. Politici compresi.
2017-09-13 23:14:24
Scommetto che la perizia accerterà che è depresso.
2017-09-13 22:31:06
ma questa legale non si vergogna a difendere questo tipo? cosa non si farebbe per i soldi !!!!
2017-09-13 21:09:36
Mettetelo su una barchetta nel mare mediterraneo poi il suo destino lo deciderĂ  il padreterno...........................
2017-09-13 19:02:00
Tanto si sa che lo rimetteranno in giro subito. Infanzia difficile. Colpe varie degli italiani che non lo hanno accolto bene. Poi lui era lì che puliva il coltello ...... Non voleva mica fare male a nessuno.
QUICKMAP