Cina, 3 donne bloccate in aeroporto dopo ritocchino: non sono quelle del passaporto

Andare in un paese straniero per un ritocchino è una pratica sempre più diffusa. Una questione di costi principalmente. Tuttavia potrebbero esserci delle controindicazioni, non solo mediche, ma doganali. Tre donne cinesi lo scorso weekend sono volate in Corea del Sud, considerato il paradiso asiatico della chirurgia plastica. Le amiche, tutte ventenni, sono finite sotto i bisturi per degli interventi al viso. Tutto come volevano, almeno fino alla partenza.

Le donne avvolte dai bendaggi e con il volto rigonfio a causa dell'operazione sono rimaste bloccate in aeroporto. I passaporti mostrati all'imbarco riportavano delle foto che, a detta degli agenti, non corrispondevano ai visi delle tre cinesi. 

La foto delle donne in aeroporto è diventata virale in Asia anche se, tutt'ora, non è chiaro per quanto tempo loro siano rimaste in aeroproto e se siano riuscite a tornare a casa.

 
Mercoledì 11 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-10-11 20:20:14
Ventenni che vanno dal chirurgo plastico???? Non ho parole.
2017-10-11 18:59:22
Giusto.
2017-10-12 08:23:48
hanno fatto bene
2017-10-12 06:49:32
Succede anche da noi. Con personaggi noti della TV. Chiedete a un qualsiasi assistente di volo. Passeggere con sciarpa e cappello a agosto.
2017-10-12 13:51:00
Più che giusto. la foto sul passaporto serve per riconoscere la persona, se non corrisponde può essere chiunque.
9
  • 753
QUICKMAP