Battisti: «Se mi estradano
mi consegnano alla morte»

Se il Brasile confermerà la mia estradizione in Italia «mi consegneranno alla morte»: lo ha detto l'ex terrorista Cesare Battisti, condannato in contumacia all'ergastolo per quattro omicidi, intervistato dal giornale Estado de Sao Paulo. «Perché non ho diritto di restare in Brasile?», si domanda ancora Battisti intervistato a Cananeia, sul lungomare di San Paolo.

«Quello che mi preoccupa maggiormente è che non potrò più vedere mio figlio» se dovessero estradarmi, ha proseguito Battisti, sposato con una brasiliana da cui ha avuto un bambino che compirà quattro anni il mese prossimo. «Un'altra cosa terribile è che non si può dare a una persona la possibilità di farsi una famiglia e vivere legalmente in un paese per poi all'improvviso togliergli tutto», ha aggiunto l'ex membro dei Proletari armati per il comunismo (Pac). «È qualcosa di mostruoso. Non sono un clandestino, non sto compiendo nessun illecito», ha ribadito Battisti.

«Non ho mai pensato di uscire dal Brasile, ma se avessi voluto farlo non sarei andato in Bolivia, avrei scelto l'Uruguay, perché è un paese un po' più affidabile ed è dove ho più relazioni», ha continuato. Battisti ha detto di non
sapere «su cosa si basa» l'ufficio legale della presidenza della Repubblica brasiliana per giustificare una sua possibile estradizione. I suoi avvocati, ha aggiunto, stanno ancora aspettando che i ministeri competenti forniscano le informazioni al riguardo. «Non so se il Brasile vorrà macchiarsi sapendo che il governo e la stampa hanno creato questo mostro in Italia. Mi consegneranno alla morte», ha sottolineato l'ex terrorista.

«Assolutamente sì»: così il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha risposto alla domanda se siano stati fatti tutti i passi necessari per l'estradizione. «Questo non è il momento di commentare - ha aggiunto - ma di lavorare con grande determinazione». 

«Adesso dobbiamo solo esprimere rispetto per le decisioni del presidente brasiliano e per le sue valutazioni che attendiamo con grande fiducia», ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano. «Noi abbiamo fatto un grande lavoro - ha aggiunto - meno proclami si fanno in questo momento più probabilità ci sono di arrivare all'obiettivo».

Gli avvocati di Battisti si sono detti convinti che il presidente brasiliano, Michel Temer, non autorizzerà l'estradizione in Italia dell'ex terrorista. «Siamo fiduciosi che il presidente della Repubblica, noto docente di Diritto costituzionale, rispetterà le norme brasiliane, nonostante le pressioni politiche interne ed esterne», è scritto in una nota dei legali di Battisti. 

«La revisione della decisione presidenziale non è più possibile», aggiunge la difesa di Battisti facendo riferimento al decreto dell'ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, che nel 2010 negò l'estradizione dell'italiano e gli concesse asilo politico. Il termine per un eventuale impugnazione «è scaduto», sottolineano nella nota gli avvocati, secondo cui anche la Corte suprema brasiliana «ha riconosciuto l'assenza di qualsiasi  vizio» nella decisione finale presa da Lula. L'estradizione di Battisti sarebbe inoltre impedita dalla «prescrizione della rivendicazione punitiva dei crimini a lui imputati nel paese di nascita», concludono gli avvocati.

La polizia federale brasiliana intanto sta «monitorando ogni passo» Battisti, da quando l'ex terrorista ha ottenuto la libertà provvisoria seguita all'arresto per sospetto traffico di valuta, la scorsa settimana, al confine con la Bolivia. Gli agenti hanno ricevuto l'ordine di fotografare la casa di Cananeia dove l'italiano ha dichiarato di aver stabilito la propria residenza, per confermare la sua presenza sul posto.


 
Giovedì 12 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 15:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 60 commenti presenti
2017-10-13 10:06:28
L'arrogante terrorista comunista comincia a farsela addosso. Ora che sente puzza di bruciato, non fa piu` lo spiritoso.
2017-10-13 09:49:51
Manco lo estradassero in Cina!
2017-10-13 09:34:22
se fosse vero sarebbe cosa giusta ma per gente come te morire dietro le sbarre nella democrazia è il massimo che chiediamo
2017-10-13 08:59:53
Non tornerà in Italia, chi l'ha protetto finora non permetterà che vengano svelati segreti, che chi ha memoria degli anni di piombo può immaginare, se fosse estradato non farebbe in tempo a salire il primo gradino della scaletta dell'aereo che lo dovrebbe riportare.
2017-10-13 11:47:20
Non credo sia come afferma lei. Ormai sono passati decenni e tutto e' avvolto nella nebbia. Potra' dire quello che vuole, nessuno gli credera'.
60
  • 6,8 mila
QUICKMAP