«Uccisa da un drone Usa Sally Jones, la vedova bianca dell'Isis». Mistero sulla sorte del figlio JoJo

di Federica Macagnone
Era la terrorista donna più ricercata della Gran Bretagna. Il suo volto, insieme a quello di Jihadi John, era diventato un simbolo per i combattenti occidentali del Califfato. La chiamavano la "vedova bianca" e, per più di tre anni, è stata nel mirino degli investigatori che davano la caccia a lei e ad altri foreign fighters che avevano lasciato l'Occidente per la Siria. Sui social invitava le donne a seguire il suo esempio: lasciare tutto per combattere la causa della jihad. Ora sembra che la voce di Sally Jones, 47enne ex cantante e chitarrista di una band punk rock, sia stata messa a tacere per sempre, dopo essere stata uccisa in un attacco di droni statunitensi in Siria. Rimane avvolta nel mistero la sorte di JoJo, il figlio 12enne della donna, che potrebbe essere morto anche lui nell'attacco.

 
 


La morte della jihadista, conosciuta anche con lo pseudonimo Umm Hussain al-Britania, è stata rivelata da fonti britanniche ai giornali inglesi, anche se non ci sono conferme ufficiali: sarebbe stata colpita a giugno al confine tra Siria e Iraq. Una fonte governativa ha confermato a The Sun che la donna è stata uccisa durante la fuga da Raqqa e, sempre secondo il giornale, alcuni funzionari della Cia avrebbero confermato ai loro omologhi britannici che un Predator dell'aviazione statunitense ha ucciso Sally a giugno. Il ritardo nel dare la notizia della morte, invece, sarebbe dovuto al timore che JoJo possa essere stato ucciso insieme a lei, ma non è sicuro che il piccolo fosse con la madre. I vertici dell'intelligence degli Stati Uniti hanno dichiarato che non possono essere certi al 100 per cento che nell'attacco sia stata uccisa la "vedova bianca", visto che non c'è stato alcun modo di poter risalire all'identità delle vittime.

Sally, originaria di Greenwich, nel Kent, in passato cantante punk rock, era madre di due figli e godeva dei sussidi statali prima di incontrare il futuro marito Junaid Hussein, un esperto informatico radicalizzato. Seguendo le orme del coniuge nell'adesione al jihadismo, lasciò la sua casa nel Kent per raggiungerlo con JoJo al seguito in Siria. Hussein risulta essere stato ucciso in un raid nel 2015, ma questo non ha spinto Sally a lasciare il Paese. Anzi, ha continuato a operare all'interno del Califfato, rafforzando la sua posizione e diventando una delle maggiori reclutatrici di giovani ragazze sui social: la “vedova bianca” raccontava loro quanto fosse meravigliosa la vita all'interno dello Stato islamico, le invitava a lasciare tutto per unirsi a loro o le spingeva a compiere attentati terroristici in Occidente. Inoltre usava i social per scrivere messaggi di minaccia contro «i Cristiani». A lei fu affidata la guida dell'ala segreta (al femminile) del battaglione Anwar al-Awlaki, l'unità fondata dal marito, composta esclusivamente da combattenti stranieri allo scopo di pianificare ed eseguire attacchi in Occidente.

Non ha esitato nemmeno a mettere a disposizione dei jihadisti il figlio JoJo, apparso in un video di propaganda mentre giustiziava un prigioniero dello Stato Islamico: nelle immagini, che ricordano le esecuzioni di Jihadi John, il bimbo appare sorridente mentre rivolge la pistola alla nuca di un uomo in tuta arancione, prima di premere il grilletto.
Giovedì 12 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 17:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-10-12 18:47:33
una madre orrenda
2017-10-12 20:17:49
Va bene così
2017-10-12 22:08:53
mi preoccupa soltanto la sorte di quel povero cagnolino che appare nella foto, mi dispiace anche per il bambino ma credo fosse ormai irrecuperabile, poverino
2017-10-13 08:40:39
Perfetto, se è morto anche il figlio mi dispiace, una creatura senza colpe, un lavaggio completo del cervello su un bambini non è complicato farlo.
2017-10-13 13:35:58
Speriamo sia veramente così: il mondo non perde niente, ma ci guadagna anzi dalla scomparsa di una pazza pericolosa del genere. Purtroppo gli USA si impegnano nella lotta all?ISIS pochissimo, questi annunci sono spesso di grosso risalto, ma o sono poi smentiti o appunto colpiscono elementi minori, alla fine in Siria senza lo sforzo russo e dell'esercito siriano l'Isis avrebbe vinto o si sarebbe solidamente attestato.
5
  • 51
QUICKMAP