La cartina geografica della vergogna: il libro di scuola della quinta elementare è pieno di errori

di Paola Treppo
Trova gli errori, o meglio, trova gli orrori. Sì, perché la cartina geografica di un libro che si trova su molti banchi di scuola del Friuli Venezia Giulia e anche d'Italia, è zeppa di errori a dir poco grossolani. Il libro si chiama “Everest. Sussidiario delle discipline" ed è per la 5° classe della scuola primaria; comprende storia e geografia; è in dotazione in molti istituti di tutta Italia ed è del Gruppo editoriale Raffaello. In testa alla copertina ci sono i nomi dei due autori.

A segnalarlo, postandolo  su Facebook, sdegnato, è stato il padre della bambina che lo sta studiando nel scuola del paese che frequenta, un piccolo centro della provincia di Udine. Oltre a fare essere il padre della bambina che si vede costretta a studiare su questo libro, l'uomo è anche un amministratore pubblico e vuole denunciare la situazione. Alcuni errori li segnala lui stesso, definendoli "orrori". Perché orrori lo sono, in effetti. E vien da chiedersi come mai questo testo sia finito in una scuola, e cosa mai possano imparare i ragazzi che lo studiano. 
 

Ecco gli errori trovati dal padre della giovane studentessa

1 - Al posto del fiume Natisone, a Cividale del Friuli (Udine), c’è il fiume Isonzo.
2 - Il Vipacco ora si chiama Timavo: «così, sul guinness dei primati, ora il Timavo non è più il fiume più corto del mondo», ironizza.
3 - Il fiume Isonzo non è tracciato a Gorizia: «suppongo che il fiume non ci sia più, stando alla cartina» 
4 - Le Prealpi Giulie non sono segnalate, al loro posto ci sono le Alpi Giulie. Quindi il monte Matajur o il monte Kolovrat fanno parte delle Alpi Giulie. 
5 - C'è scritto Pianura Veneta al posto di Pianura Friulana, esattamente sarebbe Pianura Veneto-Friulana
 
 


«Nel testo, inoltre, - spiega il papà  - c’è scritto che il Friuli Venezia Giulia è a statuto speciale anche per le minoranze linguistiche, sloveno e tedesco, ma si sono dimenticati il friulano. Secondo questo libro, poi "in pianura ci sono stalle moderne dove si allevano soprattutto suini" quando pensavo che in pianura ci fossero molte stalle per l'allevamento di bovini. C'è pure scritto che ci sono raffinerie di petrolio; potrei anche sbagliarmi, ma non mi risulta affatto».

Altri errori li abbiamo trovati noi, uno su tutti nella Destra Tagliamento: quello che tanti anni fa era l'invaso artificiale del Vajont è segnato come lago, mentre l'invaso e il "lago", segnati con un disegno celeste, non esistono più dopo la notissima tragedia. ​
Lunedì 13 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15-11-2017 09:16

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2017-11-14 15:42:50
Vogliamo invece parlare degli "errori" presenti nell'articolo? "... il padre della bambina che lo sta studiando nel scuola".."Oltre a fare essere il padre della bambina". Ma di cosa stiamo parlando??!?!!!
2017-11-14 15:23:53
Le cartine geografiche gli editori le comprano da società specializzate o le commissionano a professionisti, mai sono frutto degli autori del testo o delle redazioni interne. Purtroppo quel che manca è una seria revisione dei testi e controlli approfonditi, questo dipende dalla crisi che attraversa il settore, infatti a differenza di quel che si pensa gli editori di testi scolastici stanno passando tempi bui.Negli anni i testi della primaria sono cresciuti come foliazione dando molti materiali in più agli studenti e fornendo ai docenti delle guide didattiche sempre più corpose.Ogni cosa che si fornisce ha un costo, così come hanno dei costi i contenuti multimediali che quasi nessuno usa, ma gli editori forniscono.Se a questa situazione si somma il fatto che il numero di studenti decresce, i costi di gestione aumentano, il fatto che la cedola libraria in molti comuni verrà pagata a tarda primavera, si arriva ad un solo modo di fare editoria : bisogna contenere i costi.Tradotto significa, autori presi dove capita purché economici, redazioni con poche persone per la mole di lavoro che hanno, controlli fatti con un occhio chiuso e l'altro assonnato. Vengono fuori i testi che capitano, errori ed omissioni a iosa.non possiamo sempre sperare nei miracoli.
2017-11-14 13:12:14
Le ditte italiane sono stressate economicamente da una eccessiva tassazione, hanno dovuto fare molti tagli tra cui anche la revisione dei testi. Everest è stato sempre un'ottima casa editrice, l'ho avuto anch'io come sussidiario che ho 71 anni.
2017-11-14 12:49:59
Everest di Genny C., M. Agnese F., Giovanna M.i, Roberto M., Sabrina N. €21,76 Scusate ma per questa cifra che volevate un mese di vacanza in Nepal per tutta la famiglia? Magari anche una settimana aggiuntiva in Cina.
2017-11-14 14:26:19
Dei FENOMENI!!! In cinque per fare un unico, grande e vergognoso ASINO (senza offesa per il quadrupede ungulato). Se fosse confezionato in carta non patinata, i fogli del libro potrebbero avere ben altro ed utile utilizzo.
35
  • 1,8 mila
QUICKMAP