Bologna, bimbo muore ferito dal vetro della finestra: chiesta imputazione coatta per tecnico Acer

Il gip di Bologna Grazia Nart ha chiesto l'imputazione coatta per il tecnico Acer accusato di omicidio colposo per la morte del piccolo Alessandro do Rosario, avvenuta il 5 agosto del 2016 dopo che il bambino di 9 anni si era ferito con il vetro di una portafinestra di un appartamento Acer (l'istituto case popolari) a Bologna, in via Benini.

La Procura aveva chiesto l'archiviazione per il tecnico 43enne, così come per la madre del bambino, accusata di
omicidio colposo e abbandono di minore, e per la sorella, indagata per abbandono di minore. Nel loro caso, la richiesta è stata accolta dal gip. Inoltre il giudice, nel respingere l'archiviazione per il tecnico, ha chiesto alla Procura di «individuare altri soggetti eventualmente responsabili per Acer, Acer Promos e il Comune di Bologna» in ordine al reato di omicidio colposo.

Il bimbo, originario di Capo Verde, si era ferito dando un calcio alla finestra per tentare li liberare il nipotino di 3
anni, rimasto intrappolato in balcone, mentre i due erano soli in casa visto che la madre, 44 anni, e la sorella (la mamma del bambino più piccolo), 25 anni, erano uscite pochi minuti per fare la spesa.
Lunedì 12 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-02-2018 19:21

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-02-13 12:41:53
Sulla base di una legge CONFUSA, che NON ha imposto la sostituzione di tutti i vetri della Nazione, ma solo quelli di Nuova Installazione, e poi A CHE TITOLO il Tecnico doveva ARBITRARIAMENTE sostituire il vetro, se NON gli era stato APPALTATO dall'Ente Acer? Ricordo che il vetro anti sfondamento è più grosso e pesante e richiede una MODIFICA al telaio di sostegno, quindi non è un intervento di mera sostituzione.
2018-02-13 11:44:22
Se la prendono con il tecnico ed il Comune sperando in un grasso indennizzo. La colpa e' di chi ha lasciato I due minori a casa soli!!!
2018-02-13 11:42:58
Forse I vetri della porta-finestra avrebbero dovuto essere a prova di calci oppure antiurto? Che colpa ne ha il tecnico oppure il Comune in questo caso se le vetrate vengono prese a calci? Come si fa' a sapere che il piu' grande dei due bambini ha preso a calci la porta-finestra per "liberare in piu' piccolino intrappolato sul balcone". Chi ha determinato che il piu' piccolo era rimasto intrappolato? Il bimbo piu' grande, di 9 anni ha sicuramente dato un bel calcione al vetro che purtroppo si e' rotto.
2018-02-13 11:23:31
Io imputerei anche gli abitanti della Mesopotamia che nel 3000 a.c. ebbero l'idea, ed i Fenici che fra il 1000 e il 500 a.c. perfezionarono il vetro
2018-02-13 10:49:38
gli diamo la casa e finiamo pure in galera ?? mah...
21
  • 29
QUICKMAP