Curvy, trans e di colore: in passarella sfilano le "donne vere" di Siriano

Per marcare il decimo anniversario della linea che porta il suo nome, Christian Siriano ha deciso di fare le cose in grande. Celebrare tanti anni di attività rivolgendosi alle donne reali. “Credo che dopo lo show di oggi possa sentirmi molto orgoglioso di me stesso” ha dichiarato lo stilista a Vogue “ Sono orgoglioso di celebrare persone con background diversi e riportare in auge il mondo glamour”.

Ad aprire la sfilata dei 72 "royal dinner party" looks della collezione invernale 2018 ospitata al Grand Lodge è stata Ashley Graham, la top model curvy diventata simbolo di una nuova femminilità e del body-confidence, indossando una pelliccia sintetica rosso cremisi con cintura e stivali sopra il ginocchio perfettamente abbinati. Ad applaudirla in prima fila star come Cardi B, Laverne Cox, Meg Ryan, and Whoopi Goldberg. Ma le star non erano solo tra le sedie del pubblico: dopo Ashley Graham a conquistare la platea è stata l’attrice Danielle Brooks di Orange Is the New Black, che ha sfilato con un morbido e sinuoso abito verde acqua.

 
 


A debuttare in passerella anche l’attrice Selma Blair, una delle prime donne che ha dato il via al movimento #MeToo con la sua testimonianza. Il motto della sfilata Siriano l’ha voluto imprimere sulle sue borse, che riportavano la scritta “People are People”.

 

L’intento dello show era infatti celebrare le personalità della donna (e non solo) in tutte le sue sfumature, e per farlo ha scelto modelle, attrici, trans, donne plus size e di differenti colori della pelle. Un inno alla diversità che ha amplificato la bellezza degli abiti, che spaziavano da modelli da cocktail in paillettes neri e drappeggiati dalle spalle scoperte, abiti dall’anima glam rock con pantaloni a zampa d'elefante e colori irridescenti, abiti in merletto merletto nero o principeschi abiti in rosso e rosa.

Alcuni modelli sono stati presentati anche in diverse versioni per taglie differenti. Christian Siriano è famoso per aver sempre cercato l’inclusività nelle sue sfilate, diventando nel 2006 uno dei primi ad includere modelle plus size: anche stavolta, la diversità di taglie e stili della sua collezione è destinata a rimanere nella storia.
Marted├Č 13 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-02-13 12:33:07
arte al 15%, consumo al 85%
2018-02-13 13:54:03
e sei pure troppo buono
2
  • 62
QUICKMAP