Bidello condannato per abusi studentesse di 15 anni

Apprezzamenti spinti, carezze, addirittura baci. Condotte, proseguite fino all'inizio del 2017, che ora costano a un bidello di una scuola superiore di Ancona una condanna per violenza sessuale e atti sessuali aggravati dalla minore età delle vittime, tutte studentesse che hanno meno di 16 anni. Il collaboratore scolastico - che è stato sospeso dal servizio - dovrà scontare 2 anni e 4 mesi di reclusione. Lo ha stabilito il gup Paola Moscaroli, che ha comunque riconosciuto la lieve entità degli episodi contestati all'imputato, un sessantaseienne di Ancona.

Solo una ragazzina si è costituita parte civile nel processo. Nei suoi confronti, al termine del giudizio condotto con rito abbreviato, il giudice ha riconosciuto una provvisionale di risarcimento danni da 14mila euro. L'inchiesta era scattata lo scorso marzo. I carabinieri avevano arrestato il bidello dopo averlo filmato in comportamenti sconvenienti attraverso videocamere nascoste nella scuola. L'imputato, prossimo alla pensione, difeso dall'avvocato Francesco Nucera, ha sempre respinto ogni accusa. Il legale ha già annunciato il ricorso in appello.
Marted├Č 14 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15-11-2017 13:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 2
QUICKMAP