Cagliari, uccise il vicino di casa: condannato a 14 anni

Al culmine dell'ennesima lite, aveva sparato al suo vicino di casa, colpendolo al petto e uccidendolo. Gianluigi Zuddas, falegname di 57 anni, è stato condannato oggi per omicidio volontario dal gup del tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintore. Dovrà scontare 14 anni di reclusione, considerando l'assenza di premeditazione e lo sconto di un terzo della pena per la scelta del rito abbreviato. I fatti risalgono al 24 agosto del 2016 e si sono verificati nel comune di Siurgus Donigala. 

Zuddas e il vicino avevano avuto un diverbio poco dopo le 20. Il secondo, 39 anni, si era presentato davanti alla casa del falegname impugnando un bastone e un cacciavite. Dopo avergli detto di allontanarsi, Zuddas aveva preso un fucile e aveva premuto il grilletto, uccidendo il rivale. L'imputato si era poi consegnato ai militari di Dolianova. Oggi, al termine del processo, è stato condannato a 14 anni, due in meno rispetto a quelli chiesti dalla pm Liliana Ledda.
Mercoled├Č 15 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP