Gorizia, il Tar annulla la bocciatura a scuola: il padre non sapeva che il figlio andasse male

Il padre non era a conoscenza dell'andamento scolastico negativo del figlio. Per questo il Tar del Friuli Venezia Giulia ha annullato la bocciatura di un alunno di seconda media, che adesso potrà proseguire gli studi e iscriversi alla terza.

L'uomo aveva presentato ricorso dopo la bocciatura del figlio, decisa il 13 giugno scorso all'Istituto Comprensivo di Gorizia 1. La decisione dei giudici amministrativi è stata già notificata alla scuola dal legale dell'uomo, che minaccia un altro ricorso qualora la scuola non dovesse ammettere il ragazzo, che nel frattempo sta frequentando la seconda media in un'altra scuola.

Il Tribunale amministrativo regionale contesta alla scuola di aver violato la «tutela della bigenitorialità in ambito scolastico»: dell'andamento negativo era stata infatti informata soltanto la madre, anche se per entrambi i genitori, separati, era stato disposto l'affidamento congiunto del figlio.

La scuola, inoltre - scrivono i giudici - era «ben consapevole delle difficoltà» che il ragazzo «incontrava in dipendenza dalla difficile separazione dei genitori, sfociata in una situazione fortemente conflittuale tra i coniugi». I giudici ricordano che il ragazzo è stato bocciato con una motivazione secondo la quale la sua situazione «è peggiorata nel corso dell'anno poiché ha manifestato poco impegno, scarso interesse e atteggiamenti poco collaborativi. Non si è dimostrato disponibile a concretizzare positivamente con risultati adeguati, aggravando la sua posizione con reiterate assenze».

Secondo il Tar, «il comportamento omissivo della scuola ha impedito al padre dello studente, ove informato della situazione scolastica del figlio, di adottare una serie di rimedi», come era successo in un precedente anno scolastico, concluso con «esito più che positivo» in una scuola di Trieste, quando il ragazzo è stato seguito dal padre e ha evidenziato capacità di recupero.

«Le sentenze non si commentano, si applicano», così Alida Misso, Dirigente scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, ha commentato la notizia. «Stiamo valutando in queste ore come procedere e quindi capiremo anche con l'Avvocatura dello Stato se resistere in ulteriori gradi di giudizio. Effettivamente, esiste una precisa disposizione che tutela la bi-genitorialità e che riguarda specificatamente i genitori separati che, secondo i giudici, non sarebbe stata applicata correttamente». Circa la situazione del minore, che nel frattempo è stato iscritto in un'altra scuola, la dirigente regionale ha spiegato che qualora si applicassero le disposizioni del Tar non ci sarebbe alcuna differenza.

«Seconda o terza media sono uguali ovunque - ha ricordato la dirigente - appena il Comprensivo goriziano avrà analizzato la sentenza si provvederà a trasmettere gli atti anche alla nuova scuola, per procedere eventualmente con lo spostamento di classe. Essendo passato solo un mese - ha concluso Misso - l'operazione non sarà impossibile sotto il profilo didattico e del recupero del programma svolto».
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-10-2017 09:20

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 63 commenti presenti
2017-10-19 19:59:03
Comunque il Padre non ha mai chiesto a suo figlio come andava a scuola e andato a sentire le udienze dei professori ?
2017-10-19 19:05:51
asino era e asino resta nonostante la promozione a tavolino. Il padre ne sarà felice ?
2017-10-19 13:54:58
Una classe politica seria dovrebbe finalmente riformare la giustizia amministrativa e rivedere i Tar sempre più spesso creatori di sentenze ridicole
2017-10-19 12:03:46
Incapaci TUTTI!
2017-10-19 11:29:15
E' un paese ignobile con una piccola parte della magistratura ignobile
63
  • 2,4 mila
QUICKMAP