Torino, sesso in cambio di voti, professore condannato a 11 mesi, non potrà più insegnare

È stato condannato a 11 mesi di reclusione per tentata concussione e detenzione di materiale pedopornografico Luca Sgarbi, il professore associato di Diritto del Lavoro all'Università di Torino. L'uomo, difeso dagli avvocati Simona Grabbi e Mauro Ronco, era stato denunciato da una studentessa a cui aveva promesso una laurea a piena di voti in cambio di favori sessuali e foto hard. Il pm è Gianfranco Colace.

Inoltre per il professore è scattata l'interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado e da qualsiasi ufficio o servizio in istituzioni o strutture frequentate abitualmente da minori. Lo ha stabilito questa mattina il giudice Stefano Vitelli.  Il magistrato ha anche deciso l'interdizione di un anno dai pubblici uffici.
Martedì 14 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15-11-2017 13:01

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-11-15 09:19:24
11 mesi, ovvero non farĂ  neppure un giorno di carcere, QUESTO E' IL VERO DRAMMA.
2017-11-14 21:40:59
finalmente un giudice che ha castigato bene questo ex professore cosi impara,fine insegnamento,non ci rimane che andare a mendicare se non puo fare altro lavoro.
2017-11-14 20:42:08
Quindi l'ha denunciato perche non ha mantenuto l;a promessa di fargli avere una laurea? E il tentative di corruzione da part della studentessa? Non e` reato offrire il proprio corpo in cvambio di favori?
2017-11-14 19:53:42
questa sentenza la trova giusta!
4
  • 237
QUICKMAP