Origine della pasta deve essere indicata in etichetta, inviato decreto a Bruxelles

Buone notizie per la trasparenza nel carrello della spesa. Dopo l'ok di Bruxelles all'obbligo di indicare in etichetta l'origine per i prodotti lattiero-caseari, ora si parte con la filiera grano-pasta. Il Ministero delle Politiche agricole ha infatti inviato a Bruxelles, per la prima verifica, lo schema di decreto, condiviso dai ministri delle Politiche agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, che introduce la sperimentazione dell'indicazione obbligatoria in etichetta dell'origine per la filiera grano pasta in Italia. Si avvia così l'iter autorizzativo previsto a livello europeo per arrivare a un modello di etichettatura che consentirà di indicare con chiarezza al consumatore sulle confezioni di pasta secca prodotte in Italia il Paese o l'area dove è coltivato il grano e quello in cui è macinato. «È un passo storico», ha commentato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina aggiungendo che ora inizierà la fase di confronto con Bruxelles come è stato fatto per l'origine in etichetta del latte.

«Credo che con l'anno prossimo riusciremo a definire completamente questo passo» con cui si punta «alla massima trasparenza delle informazioni al consumatore, a tutelare i produttori e il loro reddito e a rafforzare i rapporti di una filiera strategica per il Made in Italy agroalimentare». E infatti i numeri della filiera grano pasta italiana sono importanti, con un valore della produzione che supera i 4,6 miliardi di euro ed un valore dell'export che si aggira sui 2 miliardi di euro. In particolare il nostro Paese produce circa 4 milioni di tonnellate di grano duro ed è il principale produttore mondiale di pasta con 3,4 milioni di tonnellate. «Il provvedimento, che risponde ad una crescente esigenza di trasparenza e informazione verso il consumatore, consentirà - ha sottolineato il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda - di fare maggiore chiarezza sull'origine del grano e delle semole che caratterizzano la qualità della pasta Made in Italy, nell'ottica di rafforzare la filiera produttiva e competere con la concorrenza straniera».

Per il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo «l'etichettatura di origine obbligatoria per il grano usato per produrre la pasta risponde all'esigenza di smascherare l'inganno del prodotto estero spacciato per italiano, in una situazione in cui un pacco di pasta su tre contiene grano straniero senza che i consumatori possano saperlo». Una nota critica arriva però dai pastai italiani di Aidepi che, pur dichiarandosi favorevoli all'indicazione di origine, sostengono che «la formula scelta dal governo non ha alcun valore aggiunto per il consumatore». Secondo Riccardo Felicetti, Presidente dei pastai di Aidepi, «l'origine da sola non è infatti sinonimo di qualità. Inoltre non incentiva gli agricoltori italiani a investire per produrre grano di qualità con gli standard richiesti dai pastai». Il decreto inviato a Bruxelles in particolare prevede l'obbligo per le confezioni di pasta secca prodotte in Italia di indicare in etichetta il nome del paese nel quale il grano viene coltivato e il nome del paese in cui il grano è stato macinato. Se queste fasi avvengono nel territorio di più paesi si può utilizzare le seguenti diciture: paesi UE, paesi NON UE, paesi UE E NON UE. Se invece il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo paese, ad esempio l'Italia, si potrà usare la dicitura: «Italia e altri Paesi UE e/o non UE».
Martedì 20 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 21-12-2016 19:42

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-12-20 20:35:28
una cosa giusta. pero' credo che ai consumatori interessa ben poco. io quando sono in ferie in Italia compro solo latte italiano e spendo in media 20 Cent in piu' a litro. mi chiamano pazzo o sperperone.
2016-12-20 18:08:41
Era il minimo che potevano fare e doveroso sapere da chi e' fatta da dove viene e che ingredienti ha Sta poi al consumatore scegliere cosa comprare e mangiare e' una sua scelta senza essere ingannati da falso made in ITALY
2
  • 137
QUICKMAP