Prestiti al 70% annuo, condannato per usura il re degli insaccati Bonazza

di Gianluca Amadori
TREVISO - Angelo Bonazza, 76 anni, il re degli insaccati, è colpevole di usura. Lo ha stabilito il Tribunale di Venezia che, ieri pomeriggio, lo ha condannato a due anni di reclusione, con la sospensione condizionale della pena, limitatamente a uno solo degli episodi contestati dalla Procura.

Per tutti gli altri, più datati, è stato dichiarato il non doversi procedere per prescrizione: è trascorso troppo tempo affinché possano essere giudicati. L'imprenditore di Tessera (che gestisce anche la trevigiana Bechèr e lo stabilimento di speck Unterberger di Belluno) è stato invece assolto dall'accusa di estorsione. Il pm Laura Cameli si era battuta per ottenere la sua condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione. Il Tribunale ha disposto la revoca del sequestro conservativo emesso lo scorso novembre a carico di Bonazza fino all'ammontare di 300mila euro a garanzia di eventuali risarcimenti. La vicenda è finita davanti al Tribunale a seguito della denuncia presentata da un florovivaista di Casale sul Sile, Lucio Barbiero, e dai suoi familiari che, costituitisi parte civile al processo, hanno raccontato di numerosi prestiti a tassi usurai (fino al 10-15 per cento mensile) da loro subìti tra il 2000 e il 2008. 

La sentenza di ieri ha condannato Bonazza per un solo prestito usuraio accordato nel 2008 al figlio di Barbiero, Andrea: circa 14mila euro con un tasso annuo del 70 per cento. «Con questa sentenza vi è stata conferma piena del quadro accusatorio, visto che la prescrizione presuppone l'accertamento nel merito della sussistenza sia della gravissima usura che della collegata estorsione contestate al Bonazza -ha commentato l'avvocato Ravagnan -. Purtroppo il tempo trascorso non ha consentito la piena affermazione della responsabilità del Bonazza per questi reati. Ci riserviamo in ogni modo la lettura della sentenza, poiché a nostro avviso non era ancora maturata la prescrizione».

Di diverso tenore il commento dei difensori dell'imputato: «Una grossa soddisfazione: siamo sempre stati convinti dell'innocenza del signor Bonazza e dalla sentenza le accuse sono risultate svuotate. Ora confidiamo nell'appello».
 
Marted├Č 12 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 11:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-09-12 21:45:18
Che schifezza di persona,l'usura ├Ę un crimine grave quanto la pedofilia e l'omicidio speriamo che finisca i suoi giorni in miseria ........................
2017-09-12 15:57:54
Lo sa che nell'aldilà i soldi non servono? neppure se paga san Pietro gli apre la porta.
2017-09-12 15:54:35
Il termine "cravattaro" sarebbe pi├╣ adeguato a rappresentare questo crimine al posto del pi├╣ "colto" e sfumato "usuraio"
2017-09-12 12:54:55
ma a 75 anni suonati, con diverse aziende in suo possesso, costui e' talmente attaccato al denaro (che tra non molto dovra' anche lasciare) da darsi addirittura all'usura?
2017-09-12 12:06:27
14.000 e al tasso del 70% e' stato accertato. Ma hanno il coraggio di parlare gli avvocati difensori?!!!!!!!
7
  • 133
QUICKMAP