Cina, a settembre parte il treno con la velocità di crociera più alta del mondo

Cina, a settembre inaugurerà il treno più veloce del mondo
di Marta Ferraro
A settembre la Cina inaugurerà il treno più rapido del mondo, riducendo a quattro ore e mezza la tratta Pechino Shanghai. 
Fuxing, il treno più veloce del mondo riguardo la velocità di crociera, comincerà a funzionare il 21 settembre, dopo il successo attestato da tre test di prova. La velocità media del mezzo è di 350 km all'ora, ma può raggiungere un massimo di 400 km orari, ha raccontato la stampa cinese. Il record precedente, sempre riguardo la velocità media, riguardava il Giappone e la Francia (320 kmh) mentre il primato per la velocità di punta resta al Giappone con 603 kmh.
La tratta tra le due città cinesi, Pechino e Shanghai, è di 1318 km e il treno partirà quotidianamente. La media di questo nuovo treno di alta velocità supera di 50 km orari la media dell'attuale treno. 
Il nuovo modello è stato disegnato e fabbricato in Cina e include un sistema di controllo che rallenta automaticamente, in caso emergenza o di condizioni di pericolo.
In meno di dieci anni, la Cina ha costruito la più grande rete di alta velocità del mondo, che ha coperto alla fine dell'anno 22 mila km, più di tutti i paesi del mondo messi insieme.  
La prima linea - un tronco di 120 km tra Pechino e Tientsin - ha cominciato a funzionare nel 2008, quando la capitale cinese organizzò i Giochi Olimpici.
Il governo cinese prevede che, in meno di dieci anni, la rete dell'alta velocità del paese coprirà 38 mila km, quasi l'equivalente della circonferenza della Terra. In totale, gli investimenti cinesi nel settore ferroviario dell'alta velocità hanno raggiunto i 360 mila milioni di dollari, quasi 306 mila milioni di euro.
Il successo della rete dell'alta velocità in Cina è stato macchiato dall'incidente del luglio del 2011, nella città di Wenzhou, che causò la morte di quaranta persone e il ferimento di duecento, nonchè gli scandali di corruzione che hanno coinvolto il vecchio Ministero dei trasporti. 
Lunedì 21 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 24-08-2017 22:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-08-22 08:46:16
Siamo fortunati che secondo alcuni i sistemi comunisti hanno fallito e se così non era che facevano? Si sono comprati mezzo mondo tengono l'America per le Pa.... e crescono economicamente dieci volta più degli altri paesi. Forse è meglio che falliamo anche noi come loro.
2017-08-22 10:42:50
Sono peggio dei nostri, pochi ricchissimi campano su quella che è praticamente la tortura dei loro connazionali, sono tutti mercanti di schiavi (come gli indiani) approfittando del loro numero esagerato per trattare la gente in modalità usa&getta. Copiano tutto e non inventano niente. Tralasciando l'utopia del sostenere l'uguaglianza per tutti ma essere loro, i pochi potenti, a decidere ed a goderne ogni privilegio. Certo siam bei deficienti noi che continuiamo a dargli lavoro per abbassare i costi di fabbricazione affamando i nostri popoli. Bisognerebbe iniziare a pensare di pagare le cose di più e pretendere che siano fatte in loco invece di cercare sempre e solo il prezzo più basso ad ogni costo pur di consumare senza limiti.
2
  • 13
QUICKMAP