Corea del Nord, Onu approva nuove sanzioni: stop parziale a esportazioni di petrolio e gas

L'Onu torna a colpire la Nord Corea con nuove sanzioni. Il Consiglio di Sicurezza ha approvato all'unanimità una risoluzione che prevede il bando alle esportazioni tessili di Pyongyang e il divieto alle esportazioni di petrolio e gas naturale verso la Corea del Nord fatta eccezione per una quantità da impiegare per il sostentamento della popolazione.

La risoluzione prevede il «bando alle esportazioni tessili di Pyongyang», mentre sono state alleggerite rispetto al testo originario le sanzioni proposte su tutte le esportazioni di gas naturale e petrolio. Nel documento approvato dai Quindici, infatti, si afferma che «gli Stati membri devono vietare la fornitura diretta o indiretta, la vendita o il trasferimento alla Nord Corea di gas naturale e dei prodotti petroliferi raffinati, e Pyongyang non si deve procurare tali prodotti». Si pone tuttavia un'eccezione consentendo la «fornitura, il trasferimento o la vendita a Pyongyang di tutti i derivati del petrolio sino a 500 mila barili per un periodo di tre mesi a partire dal primo ottobre, e sino a 2 milioni di barili all'anno a partire dal primo gennaio 2018». Questo «a condizione che siano impiegati esclusivamente per il sostentamento della popolazione e che non generino profitti da investire nei programmi nucleari o balistici».

Tutti gli Stati membri dovranno inoltre vietare a loro cittadini o entità di agevolare o effettuare trasferimenti da una nave all'altra di qualsiasi merce od oggetto che vengono forniti, venduti o trasferiti da o per la Nord Corea. E si afferma che «gli stati membri non devono fornire visti lavorativi a cittadini nordcoreani a meno che non vengano approvate esenzioni caso per caso» dall'appostiti comitato. Non è invece compreso nel documento, il cui testo è stato ammorbidito per ottenere il via libera di Russia e Cina, l'inserimento del leader Kim Jong Un nella lista nera con divieto di viaggio e blocco degli asset finanziari, ma si amplia l'elenco di individui ed entità del regime soggetti alle misure restrittive.

Proprio le posizioni di Russia e Cina sono state argomento di discussione: da un lato c'è Mosca, che ha deciso di votare a favore: «la decisione è dettata dai nostri interessi», come ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov. Dall'altra c'è Pechino, di cui i partner, soprattutto gli USA, non si fidano: «Se la Cina non rispetterà le sanzioni dell'Onu, agiremo» ha affermato il segretario al Tesoro USA Steven Mnuchin.

«La Corea del Nord non ha ancora passato il punto di non ritorno», avverte intanto l'ambasciatrice americana all'Onu, Nikki Haley, precisando che «gli Usa non cercano la guerra con Pyongyang». «Il mondo civilizzato deve fare quello che la Corea del Nord non sta facendo, ossia fermare la sua marcia verso la costruzione di un arsenale nucleare. La scelta è loro. Se continueranno su questa strada continueremo ad aumentare la pressione, se decideranno di cambiare percorso il mondo vivrà in pace con loro», ha sottolineato Haley, affermando che il risultato (anche Cina e Russia hanno votato sì al documento) «non sarebbe stato possibile senza la forte relazione costruita tra il presidente americano Donald Trump e il collega cinese Xi Jinping».


«L'Unione Europea valuterà sanzioni aggiuntive» a quelle approvate dall'ONU. Questa invece la posizione comunitaria, secondo quanto espresso al Parlamento europeo dall'Alto rappresentante Federica Mogherini, secondo cui «solo una comunità internazionale unità può trovare soluzioni» alla minaccia posta dalla Corea del Nord, anche se l'obiettivo primario è arrivare a una soluzione diplomatica.

Intanto la Corea del Nord è tornata a minacciare gli Stati Uniti: «Saranno dolori e sofferenze, pagheranno un prezzo carissimo», è il monito lanciato del ministero degli esteri di Pyongyang: «Finché avremo il nostro arsenale nucleare potremo garantire la sicurezza e la pace per il nostro Paese».
Martedì 12 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 11:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-09-13 12:06:36
Ma la Mogherini è pagata dalla Casa Bianca o dai contribuenti europei?
2017-09-12 15:58:43
Finalmente il compagno a cessato di ridere , e forse dopo la risata viene il pianto .
2017-09-12 12:46:54
Se scoppia un cinflitto, la colpa e' SEMPRE del piu' forte, che non ha fatto a sufficienza per evitarlo, o che lo ha, come penso si tratti in questo caso, deliberatamente provocato. Dobbiamo affidarci all' intelligenza e al senso di responsabilita' di Putin, l' unico a mostrare equilibrio e realismo.
2017-09-12 12:23:44
L'Onu c'è e recita la sua parte,nulla di più.Pyongyang ha l'arma nucleare più avanzata e se la tiene ben stretta perché é la sua unica difesa. Il Mondo lo ha capito ed accettato . L'Asia orientale non é in pericolo e nemmeno l'Europa dove Inghilterra e la redarguita Francia starnazzano ,come le oche del Campidoglio, solo per far sapere di esserci. Gli Usa ,che sono la reale controparte,abbandonino i toni biblici e gli inutili esercizi di potenza,che servono non tanto a spaventare Kim quanto al mantenimento dell'alleanza con Seoul e Tokyo, ch'é tempo che si guardino intorno,, e inviino grano ,tanto grano a questo splendido pezzo di penisola. E la Pace é a portata di mano. Qualcuno ha ricordato che anche noi abbiamo subito sanzioni e siamo stati costretti a bere orzo invece del caffé e voglio ringraziarlo, perché chi non dimentica la Storia é più saggio degli altri.. FM
2017-09-12 11:49:26
Gli usa sono gli unici ad aver testato le armi nucleari sulla gente. L'atomica ormai ce l'anno tutti, xchè no a San Marino, Svizzera, Corea nord-sud, Montecarlo, israele, francia? Noi abbiamo la Beretta e ci basta
8
  • 104
QUICKMAP