Inondanzioni in Nepal, paura per Francesca Chaouqui, l'appello sui social: «Intrappolati nell'hotel, aiutateci»

«Siamo bloccati al Land Mark Hotel a Chitawan in Nepal. I fiumi hanno esondato, l'albergo è allagato, siamo senza elettricità e senza acqua. Abbiamo allertato la Farnesina. Siamo gli unici italiani dell'hotel. Aiutateci». È l'appello lanciato nella notte su Facebook da Francesca Immacolata Chaouqui, la donna coinvolta nello scandalo Vatileaks, rimasta intrappolata con la famiglia dalle inondazioni in Nepal. Più tardi su Twitter Chaouqui ha postato una foto del fango presa probabilmente da una finestra dell'albergo: «Siamo vivi - ha scritto - Ci sono 20 bambini. Noi non andiamo via senza che loro siano in salvo». Sempre su Twitter, la donna ha scritto anche a Matteo Renzi e al ministro degli Esteri Angelino Alfano per chiedere aiuto.
  «La Farnesina si è subito attivata e sta seguendo la situazione. Il Console è in contatto con i connazionali e le autorità nepalesi». È quanto hanno riferito fonti del ministero degli Esteri all'Adnkronos in merito alla situazione di Francesca Chaouqui, fra i protagonisti della vicenda Vatileaks, rimasta bloccata in un albergo a Chitawan in Nepal, a causa delle inondazioni che hanno colpito la regione.
Domenica 13 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-08-13 15:48:56
Si metta in fila come tutti i comuni mortali.
2017-08-13 14:43:19
e chi se ne frega
2017-08-13 14:39:12
Ma in Italia solo chi ruba una mela va in galera???
2017-08-13 14:14:18
Tra l' altro, mi chiedo...CHE ci stava a fare in un albergo con VENTI BAMBINI??? DI CHI SONO quei bambini? DOVE dovevano essere portati? A CHI ? E PERCHE'?
2017-08-14 00:57:32
speriamo venga aperto qualche fascicolo
11
  • 265
QUICKMAP