Usa, l'appello di 400 milionari: «Non tagliateci le tasse»

di Anna Guaita
NEW YORK – Sono più di 400. Alcuni sono miliardari, altri semplicemente milionari. Insomma sono ricchi. E pensano che sia sbagliato tagliare le loro tasse. I 400 Paperon de Paperoni consegneranno questa settimana una lettera al Congresso, per tentare di convincere deputati e senatori che la riforma fiscale in discussione in questi giorni «esacerberebbe ulteriormente la diseguaglianza» e «peggiorerebbe la condizione del debito pubblico». I firmatari dell’inusitato appello sono convinti che la riforma fortemente voluta dai repubblicani e Donald Trump sia socialmente ed economicamente sbagliata. «I repubblicani dicono che non ci sono soldi da spendere nell’istruzione, nella ricerca, nelle infrastrutture, nell’assistenza ai poveri – denuncia uno dei firmatari -, e tuttavia dicono che possiamo permetterci di concedere tagli alle tasse dei ricchi».

In questo momento le due Camere sono impegnate nel tentare di conciliare le due versioni della legge di riforma, ma i leader sia della Camera che del Senato si dicono certi che la legge sarà completata e sulla scrivania del presidente per la firma entro la fine dell’anno.

Gary Cohn, ex presidente di Goldman Sachs e oggi capo del Consiglio Economico della Casa Bianca, assicura che nello stilare la riforma fiscale si è tenuto fondamentalmente conto della «necessità di incoraggiare gli investimenti», e quindi migliorare le condizioni economiche di tutti gli americani. La legge garantirà forti riduzioni nell’onere fiscale delle corporation , e anche delle fasce più ricche della popolazione. Inoltre abolirà le tasse ereditarie per patrimoni che siano al di sotto dei 5 milioni e mezzo di dollari.

I 400 ricconi che si dicono contrari a questa revisione del sistema fiscale appartengono all’associazione progressista “Responsible Wealth” (Ricchezza responsabile), e provengono quasi tutti da Stati blu, cioé a maggioranza democratica, come la California, New York, Massachusetts, Connecticut. Fra di loro ci sono nomi noti, come l’imprenditore George Soros, la stilista Eileen Fisher, il finanziere Steven Rockefeller, e i fondatori della nota catena di gelati “Ben & Jerry”, Ben Cohen e Jerry Greenfield. Ma la maggior parte dei firmatari sono ignoti al grande pubblico, e hanno in comune di possedere patrimoni del valore di almeno un milione e mezzo di dollari e guadagnare almeno 250 mila dollari all’anno. Nella lettera spiegano che le corporations stanno già registrando «profitti record», mentre la diseguaglianza tocca percentuali non viste sin dal 1920, e ai ricchi «non servono altri soldi». «Non abbiamo bisogno che ci tagliate le tasse» spiega Mike Lapham, direttore del progetto Responsible Wealth. Lapham è l’erede della fortuna delle cartiere Finch, Pruyn & Co. Con aperta ironia dice: «Credo che questa sia la prima volta che i membri del Congresso ricevono visite da gente che dice di non volere una riduzione delle tasse».

 
 
Lunedì 13 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2017 17:44

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-11-14 12:00:23
In Italia questa gente verrebbe fatta passare per pazzi rincretiniti, mentre se rubano hanno tutta l'ammirazione, anche dal popolino ignorante.
2017-11-14 11:39:06
in Italia fanno pagare agli operai quello che dovrebbe pagare Marchionne.
2017-11-14 08:32:36
Gente cosi' dovrebbe amministrare il Mondo! Ma come mai l'Italia non ne ha mai avuti?
2017-11-14 01:35:27
O sono dei masochisti da curare, oppure devono pagare un debito di riconoscenza (capisc'amme'...) alla mafia democratica.
2017-11-14 00:17:02
Non serve inoltrare la richiesta, basta dare una percentualita' ai poveri. Tutto vi si rientra facilmente.
5
  • 78
QUICKMAP