Usa, uccide il fratello a coltellate: «Mi rallentava la connessione Internet»

Litiga con il fratello per la velocità della connessione e lo uccide a coltellate. È successo a Leominster, in Massachussets. Tim e Nathan Record, rispettivamente 20 e 23 anni, hanno iniziato a litigare perché c'erano troppi device connessi; il più vecchio avrebbe allora iniziato a picchiare l'altro, finché Tim non l'ha colpito a morte nel petto con dei coltelli trovati in cucina. I due non erano nuovi a episodi di violenza. 
 

La notizia è stata riportata dall'edizione di Boston della CBS, che cita alcune fonti della polizia. Gli agenti hanno trovato Nathan sanguinante in cima alle scale di casa. È stato portato all'ospedale ma ormai era troppo tardi. Tim adesso è in carcere. Si è dichiarato innocente, ma è stato trattenuto in prigione senza possibilità di cauzione.
Giovedì 7 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-09-2017 13:59

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-09-10 14:24:14
adesso dovranno rallentargli a lui i bollenti spiriti dentro una gabbia per almeno 30 anni, e senza connezioni.
2017-09-10 12:25:27
internet è solo il pretesto, si sarebbero ammazzati comunque.
2017-09-08 22:44:08
ormai gli USA, l'india e la cina si giocano il primato per chi la fa più grossa.....
2017-09-08 12:12:32
Mi sa tanto che tra Romolo e Remo è andata allo stesso modo...
2017-09-08 08:07:13
certo.... che coincidenza, connessione internet lenta e si chiama TIM.
14
  • 28,9 mila
QUICKMAP