FI, Brunetta: «Siamo destinati a vincere, faremo cappotto anche nei collegi rossi»

Il centrodestra sulla rampa di lancio
I partiti cominciano ad affilare le unghie in vista delle politiche. Il centrodestra allontana l'ipotesi larghe intese con Silvio Berlusconi che dà il la alla campagna elettorale e respinge l'ipotesi di un'alleanza post elettorale con il Pd: «Vinceremo noi, vincerà il centro-destra senza subordinate. Ne sono davvero sicuro».

E Renato Brunetta segue la scia e prepara il ritorno del cartello anni '90. «L'alleanza del centrodestra non è certo una novità. Noi governiamo insieme dal 1994, abbiamo governato dieci anni su venti l'Italia, da oltre vent'anni governiamo insieme il Veneto, la Lombardia e centinaia di amministrazioni comunali e provinciali» dice Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, ai microfoni di TgCom24.

«Alle prossime elezioni saremo uniti, avremo un programma unitario e dei leader riconosciuti. Il sistema elettorale favorisce le coalizioni, per cui se la sinistra si presenterà spaccata, faremo cappotto perché vinceremo anche nei collegi uninominali appenninici, quelli 'rossì. Per questa ragione il centrodestra è destinato a vincere. Non sarà tutto rose e fiori, ovviamente, c'è da costruire il programma. Però - ha sottolineato Brunetta - è un programma che viene da lontano: basti pensare alla flat tax, alla nostra contrarietà allo ius soli, alle politiche per la sicurezza, alla legittima difesa, alle nostre posizioni sull'Europa e sulle sbagliate politiche migratorie della sinistra. Il programma c'è, è nella storia e nei fatti. E anche i leader, ci sono tutti». 
Domenica 12 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:42

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-11-12 23:09:36
Riuscirete solo a fare cappotto, se gli altri partiti deluderanno oppure con questa legge eletoralle riuscirete ad attirate nella vostra coalzionec i voti di molti partitini del 3 o 4 %.Poi vinto le elezioni dovrete pur accontentare questi partitini dandogli anche una bella poltrona. ChissĂ  quanti pattitini occuperanno la prossima legislatura il parlamento italiano. E poi ci sarĂ  la difficoltĂ  di trovare una maggioranza. Strana legge elettorale.La cassazione dovrebe bocciare una legge del genere, che crea solo confusioni e incertezze.Peccato che i presidente Mattarella l habbia subito firmata
2017-11-12 21:03:51
Non vendere la pelle dell'orso se prima non l'hai ucciso
QUICKMAP