Renzi forse apre a Mdp, ma oggi agli italiani interessa solo la partita contro la Svezia

di Mario Ajello
Che giornatona per la sinistra italiana. La solita giornata storica. Forse Renzi apre a Mdp (ma chissà quanta gente saprebbe tradire questo acronimo) ma forse appena un pochino o forse neanche quello, magari quelli  fingono  di credergli ma magari non credono a niente. E intanto però, tra un Civati e Pisapia, tra i due presidenti ormai militanti (Grasso e Boldrini), tra svendolisti e svendolati dichiaranti a raffica, tra decine di spiragli, crepette o ricomposizioncine, spifferi e declamazioni, e altro circo da ceto politico, l'ennesimo passaggio inutile di una sinistra spaesata riempirà i palinsesti. Come se fossimo ancora - ma sono passati decenni! - al tempo in cui Giorgio Gabetti si chiedeva spiritosamente (ma si è perso pure lo spirito) che cos'è la destra e che cos'è la sinistra. Oggi invece siamo al tempo della Svezia e solo quella - non Fassina e non Martina - interessa agli italiani. Quanti ce ne fanno stasera? O faremo il miracolo di  salvarci?
Luned├Č 13 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:21

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP