Aids, contrae il virus con una trasfusione infetta: risarcito dopo 21 anni

Aroldo Montesi
di Giovanni Del Giaccio
«Fino all'ultimo respiro». Aroldo Montesi ha 86 anni, da 21 è Hiv positivo, ha contratto il virus dell'Aids per una trasfusione infetta nel 1996 ma solo nel 2001 lo ha scoperto. Per caso.

Una febbre inspiegabile, il ricovero all'ospedale “Sacco” di Milano, un medico che arriva «e con un sorriso beffardo mi dice, l'abbiamo presa eh....» Aroldo è un dirigente d'azienda, uno che gira il mondo, l'associazione è presto fatta: benestante, chissà cosa ha combinato. Invece no, cinque anni prima per una crisi emorragica è stato ricoverato sempre al “Sacco”, ha ricevuto 22 trasfusioni altrimenti sarebbe morto e una delle sacche arrivate dal “Policlinico” di Milano era sottoposta al test “Elisa”. Quello che si faceva, all'epoca, per scoprire se fosse positiva o meno all'Hiv. Era nel periodo “finestra” ma quel sangue serviva ed è stato trasfuso, qualche giorno dopo il centro trasfusionale del Policlinico - diretto allora da Girolamo Sirchia - ha saputo che il test era positivo ma non lo ha  comunicato.

Fino a quando Aroldo ha scoperto di essere malato, cinque anni dopo. A quel punto è iniziata una battaglia che si è conclusa nei giorni scorsi in Cassazione - dopo sedici anni - ma che, purtroppo, non significa ancora avere il risarcimento del danno. Oltre un milione di euro, dagli originali 600.000 della sentenza di primo grado che il Ministero della Salute – come sempre accade in casi del genere – ha appellato (perdendo) e poi ha portato fino alla suprema Corte. Un ricorso “inammissibile” - si legge nella sentenza della III sezione civile, com'era scritto in quella di appello. Ma il Ministero, in questo come in altri migliaia di casi, prende tempo.

Così dopo le innumerevoli sentenze passate in giudicato e il ritardo nei risarcimenti che ha portato alla condanna dell'Italia anche da parte della Corte Europea dei diritti dell'uomo, gli avvocati sono costretti a rivolgersi ai tribunali amministrativi per i cosiddetti giudizi di “ottemperanza”: viene nominato un commissario, il quale riconosce che esiste il debito e trova i soldi per pagare il cittadino danneggiato. Con ulteriore aggravio di spese ai danni dello Stato. Il caso di Aroldo è solo uno dei tanti, ma l'anziano signore milanese non molla di un centimetro. Volevano liquidarlo con centomila euro, l'indennizzo previsto all'articolo 27 bis del decreto legge 90 del 24 giugno 2014: “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari” che mirava a chiudere il contenzioso infinito nel settore del sangue infetto. Aveva già una sentenza d'appello che gli riconosceva oltre 700.000 euro, avrebbe anche rinunciato a metà, ma gli è stato risposto di no. Rigettata la proposta degli avvocati Rossella Gradi e Giuseppe Gigli, i quali avevano tentato (invano) anche un pignoramento presso la Banca d'Italia.

Ora con la sentenza di Cassazione e gli interessi maturati si arriva a 1 milione e 100.000 euro che aumenteranno con il passare del tempo «Io ne faccio ormai una questione di principio – spiega Aroldo – non so se riuscirò mai a vedere il risarcimento, ma sono stato infettato per i mancati controlli e voglio che questo scandalo non passi sotto silenzio».

Ogni settimana, nei Tribunali di tutta Italia, ci sono sentenze di condanna per una vicenda legata ai mancati controlli delle trasfusioni fino alla metà degli anni '90 e all'uso di farmaci emoderivati di dubbia provenienza per i quali è ancora in corso, a  Napoli, il processo a Duilio Poggiolini, all'epoca "Re Mida" della sanità italiana.  
Mercoledì 17 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-05-2017 19:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-05-17 17:43:32
devi pagare l'IVA, non hai i soldi ? ti sequestrano i c/c bancari o ti ipotecano casa o ti detraggono dallo stipendio !! Lo Stato ti deve un risarcimento? Scordatelo viviamo in uno Stato canaglia
2017-05-17 16:31:57
Dopo 21 anni è arrivata la cassazione, ed è già una vergogna, ma da qui a vedere i soldi ne passeranno tanti altri. Lo stato criminale quando devi pagare ti devi sbrigare, quando deve pagare punta ad aspettare che crepi. VERGOGNATEVI
2
  • 261
QUICKMAP