Scuola, in cattedra meno che in altri Paesi ma stipendi sotto la media Ocse

di Luca Cifoni
ROMA Meno ore di insegnamento rispetto alla media internazionale, ma anche retribuzioni che risultano normalmente più basse: in questo contesto si muovono gli insegnanti italiani che stanno per rinnovare il contratto di lavoro dopo quasi un decennio di blocco. Quello della scuola è un settore in cui i numeri vanno presi con particolare cautela, perché è difficile definire e quantificare sia l'impegno di chi vi lavora sia i risultati. Ne è ben consapevole anche l'Ocse, l'organizzazione per la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 21 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:24

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-01-21 20:17:05
Vorrei far notare ai tanti "giustizieri" che all'estero ,la docenza è sempre regolata alle 8 ore di cattedra settimanale.I giorni di scuola sono di meno e il docente sta a scuola di più perchè si prepara le lezioni,valuta i lavori fatti dagli studenti,riceve gli studenti per alcune precisazioni..ed è pagato molto di più. Mangia a scuola ,dove ha un suo piccolo ufficio..non esistono i consigli di classe ,i collegi docenti e tutte ste menate che i Decreti Delegati hanno riversato nella scuola, nè ci sono genitori di mezzo che vanno a rompere le scatole... Gli scrutini sono molto semplici, rapidi,non c'è il se e il ma o il forse o la promozione di consiglio di classe, la maturità è fatta sulle materie di indirizzo e non sulla "tuttologia nostrana". I compiti scritti sono corretti da commissione diversa da quella che farà gli orali,Tutti i commissari di esame sono esterni. Tanto per informarvi......
2018-01-21 18:08:46
Nella scuola bisogna lavorare di più e pagare decorosamente gli insegnanti, che,però. dovrebbero, soprattutto nelle medie e superiori, insegnare, magari anche la politica e non fare politica..
2018-01-21 17:07:24
Assolutamente favorevole all'adeguamento degli stipendi ma nel contempo anche a quello delle ore di lavoro e delle vacanze. Con l'occasione varare eque e giuste regole fiscali per chi sceglie di fare ripetizioni e per chi le richiede. Una buona scuola e buoni insegnati non possono dare ai giovani alunni un esempio di evasione fiscale.
2018-01-21 13:36:39
Lo chiede l'Europa, strano che non chieda anche di adeguare gli stipendi ai colleghi europei....politicanti da strapazzo!!!!!!!!!
2018-01-21 12:07:47
E le ore pomeridiane di ripetizione in nero dove le mettete? Avete mai sentito di un maestro/professore che ha subito un accertamento fiscale per omessa dichiarazione dei redditi? E' il sistema dell'evasione pianificata per tenere i salari bassi.
8
  • 20
QUICKMAP