Papa Francesco interviene contro il caos alla Sacra Rota: era a rischio il “divorzio cattolico”

di Franca Giansoldati
Città del Vaticano - «Il Papa ha espresso la volontà che sia rispettato il diritto di ogni fedele di scegliere liberamente il proprio avvocato, modificando la prassi attuale in modo da consentire alle parti che lo desiderano di scegliersi un patrono di fiducia». C'è voluto un decreto della Segnatura Apostolica, la Cassazione vaticana, (dietro placet del Papa) per scongiurare il rischio che gli avvocati rotali - stanchi di un assurdo contenzioso aperto dal Decano della Rota - si appellassero al tribunale dell'Aja. Il 18 febbraio scorso il Papa, attraverso la Segnatura, ha ordinato al Decano della Rota, monsignor Pio Pinto, autore della frittata giuridica, di recedere dalla prassi da lui introdotta di togliere la libertà agli ex coniugi di scegliersi un avvocato di fiducia nelle cause di nullità matrimoniale.

Un bel pasticcio. Il caso maturato su un terreno decisamente tecnico è diventato  esplosivo. Il fatto è che monsignor Pinto con quel suo avviso affisso in bacheva aveva infranto ogni regola. Per farla breve, nei mesi scorsi, dopo l'introduzione del nuovo processo matrimoniale voluto dal Papa per snellire i processi, Pinto aveva tolto agli ex coniugi la possibilità di scegliersi liberamente un patrocinatore, disattendendo così il principio sacrosanto della libertà di difesa. La questione era stata sollevata a più riprese dagli avvocati rotali iscritti all'albo che si sono visti togliere senza alcun motivo e senza spiegazioni i propri clienti, e affidati a dei legali d'ufficio. Pinto, nonostante le proteste, ha continuato per la sua strada, fino al decreto firmato dal cardinale Mamberti, su placet di Francesco con l'esortazione a rispettare la volontà papale e a riconoscere il diritto inviolabile della libera scelta della difesa.

L'intervento papale è stato provvidenziale visto che ha disinnescato anche i potenziali rischi sul fronte civilistico italiano. La prassi introdotta alla Rota da Pinto avrebbe violato anche il Concordato tra Italia e Santa Sede, l’articolo 24 della Costituzione e la Convenzione europea per i diritti dell’uomo in merito al diritto alla difesa: di conseguenza avrebbe potuto impedire la delibazione, il riconoscimento da parte italiana delle sentenze rotali in materia di nullità matrimoniale. La questione era pura arrivata alla Camera con una interpellanza a firma di Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia, al quale ha provveduto a rispondere il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore.

«Il Governo può pronunciarsi sul rispetto o meno del diritto di difesa nei procedimenti davanti ai tribunali ecclesiastici, ai fini della delibazione della sentenza di competenza del giudice nazionale». Infatti, la corte d'appello competente è tenuta anche a verificare «il diritto di agire e di resistere in giudizio, in modo non difforme dai principi fondamentali dell'ordinamento italiano».




 
Lunedì 13 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:33

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-03-13 18:17:37
Ma i monsignori della Sacra Rota sono stati avvisati che il potere temporale dei Papi è caduto da un pezzo e che attualmente esiste la libertà di espressione , parola e che esiste il diritto alla difesa in tutti i Tribunali e che quindi si può scegliere chi si vuole come avvocato? Bergoglio, una volta tanto ti do ragione!
QUICKMAP