Il cardinale Parolin invita i giornalisti a dare più notizie buone, basta sensazionalismo

di Franca Giansoldati
Roma – «Vi auguro di trasmettere sempre  un’informazione autentica, senza manipolazioni di sorta, promuovendo ciò che unisce più di quel che divide». Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, oggi pomeriggio ha benedetto la nuova sede dell'Ordine dei Giornalisti a Via Sommacampagna, consacrandola alla protezione della Madonna. Poi si e’ rivolto al Consiglio Nazionale dell’Ordine mettendo in rilievo il «rischio di strumentalizzazione delle notizie da parte di un sistema di potere insidioso", senza contare del problema che si corre con il «sensazionalismo e la rapidità a ogni costo (che qualche  volta porta alla diffamazione) e spesso declassa le buone notizie a non notizie» ha detto il cardinale.

Un discorso, quello del segretario di Stato vaticano, pieno di attenzione per un settore cruciale per la collettività e la crescita comune. Rispetto, onestà, corretezza. La categoria, ha aggiunto, dovrebbe insistere a dare più notizie buone, positive e non solo indugiare su quelle negative. «Potete essere strumenti di speranza per il mondo, siate occhi e orecchie di chi non puo’ sentire. Fatevi promotori di integrazione a ogni livello. Siate onesti e cercate sempre la verità». Infine un richiamo collettivo. «Pensando alla vostra attività penso che avrete bisogno dell’aiuto che viene dall’alto, da Dio, se volete fare del giornalismo un fattore di bene comune, un fattore di riconciliazione, di dialogo e non di scontro”. Al suo fianco il presidente dell'Ordine Iacopino che proprio oggi ha presentato le sue dimissioni anticipate, in aperto contrasto con diverse componenti dell'Ordine: “Il recupero della credibilità della categoria si è rivelato un vero fallimento. Da oggi basta con i giornalisti».
 
Giovedì 16 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 17-03-2017 10:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-03-18 16:05:54
Sicuramente abbiamo bisogno di buone notizie, ma ci sono anche quelle cattive. E i mezzi di informazione hanno (avrebbero...) il dovere di dare tutte le notizie, nessuna esclusa.
2017-03-17 08:37:16
Sto con Parolin e con il suo suggerimento che i media diano piu' peso alle notizie buone che a quelle fangose.
2017-03-16 21:06:04
“Il recupero della credibilità della categoria si è rivelato un vero fallimento" Parolin sta parlando della categoria pretesca?
QUICKMAP