Rieti, il grande ex Sebastiani
Mauro Cerioni torna
per un giorno al PalaSojourner

Cattani e Cerioni (Foto COSENTINO)
di Luigi Ricci
RIETI - «Mi pagò una cena 38 anni fa. Una volta saputo che era a Rieti dovevo incontrarlo». Parole del presidente della Npc, Giuseppe Cattani, che ricorda: «Nel 1979 la Sebastiani aveva vinto il titolo italiano allievi a Pesaro, dove giocava anche la prima squadra. Quando lo seppe Mauro Cerioni, che aveva appena vinto una delle epiche partite a poker in trasferta con Sojourner e soci, decise di festeggiare offrendoci una cena». «Data l’età non ricordo, ma mi fido del presidente», replica scherzando l’ex campione di Sebastiani e Olimpia Milano, ricevendo da Cattani al PalaSojourner il gagliardetto della Npc per poi registrare un video invitando i tifosi ad abbonarsi.

Cerioni (1.94, 1948) oltre a essere stato votato nel quintetto ideale delle Olimpiadi di Monaco ‘72 (l’Italia perse il bronzo 66-65 contro Cuba per la storica infrazione di passi di Serafini), prima di approdare a Rieti nel ’74, aveva vinto a Milano uno scudetto, una coppa Italia, e due Coppe delle Coppe. Invece, a Rieti, subito semifinale di Coppa Korac persa col Barcellona e poi, dopo aver tenuto a battesimo Sanesi, Zampolini e Brunamonti, dopo l’arrivo di Willie Sojourner fu tra i protagonisti del ritorno in A1 e della semifinale scudetto persa 2-1 con Varese nel ’78.
Sabato 12 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP