Rieti 2020: la giunta Cicchetti punta
sulla rimodulazione dei progetti ma
apre al confronto con l'opposizione

di Alessandra Lancia
RIETI - Rieti 2020, il viaggio a Roma dell’assessore Antonio Emili porta consiglio: quello che fino a qualche giorno fa era derubricato a «programma di opere finanziabili» ora assume i contorni di un piano di progetti «concretamente realizzabili».

LA RIMODULAZIONE
E in questo quadro la giunta Cicchetti chiede e in parte ottiene l’ok a rimodulare obiettivi e ricalibrare interventi «per agganciarli meglio alla duplice esigenza di riqualificare e rilanciare la città. Con la lunga crisi sismica e la desertificazione del centro storico sono cambiate le esigenze – spiega Emili – Per noi conta ricucire il centro storico alle periferie e ripopolare il centro». Visione e obiettivi diversi dal piano originale, che aveva invece nel tratto urbano del Velino la sua linea di confine centro-periferia da riqualificare con opere e interventi finalizzati al benessere e alla partecipazione, e nei Campionati juniores di Atletica 2020 il suo target di riferimento.

Sul piano procedurale, il dipartimento della presidenza del Consiglio che sovrintende ai progetti avrebbe aperto a modifiche: «Margini di manovra ne abbiamo – dice Emili – sia pure nel perimetro delle aree tematiche individuate dal programma originario». Tradotto: un nuovo ponte pedonale all’altezza dei Pozzi potrebbe rientrare nel quadro della riqualificazione delle sponde del Velino già prevista. «E il food corner, previsto a Città Giardino all’Alberghiero, potrebbe essere realizzato all’ex Mercato coperto».

IL PERCORSO PROCEDURALE
Sul piano procedurale il percorso è chiaro: «A breve ci sarà la registrazione della delibera del Cipe con l’assegnazione dei fondi, poi saremo chiamati a Palazzo Chigi a firmare la convenzione, poi passeremo alla stesura dei progetti. Nelle more, metteremo mano alla ricalibratura degli interventi». Resta il piano politico: il centrosinistra reclama un confronto: «E il confronto ci sarà in commissione Urbanistica e commissione Attività produttive», dice Emili a Il Messaggero.

I DUBBI DI LUDOVISI
L’ex assessore Giovanni Ludovisi prende nota e apre: «Margini di un dialogo ci sono, su un tema simile serve il coinvolgimento politico della minoranza». Nel merito è però scettico: «Il tema del bando era la riqualificazione delle periferie: noi riuscimmo a scalare la graduatoria mettendo insieme idee e visioni che furono vincenti. Non so ora come possano cambiare, ma se possono è loro diritto farlo. Quello che a noi sta a cuore sono pure le cosiddette azioni immateriali di Rieti 2020, i processi di partecipazione dei cittadini alla riqualificazione urbana. Diversamente tutto si ridurrebbe a un elenco di opere pubbliche e si tradirebbe lo spirito del progetto».
 
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:30

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP