L'Osteria Francescana di Bottura eletta miglior ristorante al mondo

Massimo Bottura
«Mi vien quasi da piangere». Sono le parole di Massimo Bottura che ha avuto a New York il riconoscimento più prestigioso al mondo nell'ambito della ristorazione. L'Osteria Francescana a Modena è stata premiata come ristorante migliore del mondo, secondo The World's 50 Best Restaurants, considerato l'Oscar dei cuochi. L'annuncio al Cipriani Wall Street di New York.



Osteria Francescana ha spodestato dal El Cellar de Can Roca di Girona. Bottura è salito sul palco commosso e ha chiamato la moglie Lara a raggiungerlo. «Riuscire in questi giorni significa usare l'ingrediente della cultura perchè la cultura è conoscenza e la conoscenza apre le coscienze e crea responsabilità». Lo chef di Osteria Francescana, che a Expo aveva collaborato con la Caritas per un Refettorio dei poveri, ha dato appuntamento a Rio de Janeiro per la prossima «soup kitchen» nelle favelas della metropoli dei prossimi Giochi Olimpici. Eleven Madison Square Park a New York è il terzo classificato nella hit parade 2016 che ha spinto uno dei numeri uno storici, Noma di Copenhagen, al quinto posto. Altri due ristoranti italiani, Combal Zero e Le Calandre sono entrati in lista rispettivamente al 46esimo e 39esimo posto. Alain Passard di Arpege ha vinto il premio alla carriera. Dominque Crenn è la migliore chef donna in una classifica dominata ancora da uomini. 
Marted├Č 14 Giugno 2016 - Ultimo aggiornamento: 15-06-2016 08:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-06-14 23:40:12
Questo premio ha un significato molto relativo , in quanto non riguarda la cultura gastronomica e alimentare di un paese. Infatti vengono nominati ristoranti che si trovano in citta' e nazioni che hanno una gastronomia e una alimentazione a dir poco orrenda. Si dica per esempio che tradizione ha New York nella ristorazione, ovvero puo' competere con Napoli Roma Firenze Milano Mantova e regioni come il Piemonte il Veneto la Puglia e la Sicilia , che hanno una tradizione ultra millenaria? Oppure mettiamo i vini Chateaux e i Bordeaux o lo champagne francesi, o la cucina tradizionale cinese e giapponese, tanto per fare esempi. Questi sono luoghi di elite per gente ricca che puo' spendere 1000 euro e forse piu' in una serata per due, con piatti anche creativi quanto si vuole ma che, salvo pochi casi, non durano non restano nei ricettari. L'Italia degli anni settanta quasi distrusse la sua cultura gastronomica per dare fettuccine panna prosciutto e piselli o per fare delle pizze che nel 99 % dei casi sono immangiabili, poi per fortuna gente come Paracucchi Marchesi Veronelli o scrittori come Soldati riscoprivano i nostri tesori della cucina. Quindi questo premio non premia e non arricchisce la ricchissima tradizione italiana.
2016-06-14 15:23:02
ma chi le dice ste cose ???
2
  • 364
QUICKMAP