Atac, così il destino dell'azienda è appeso al piano che non c'è

di Lorenzo De Cicco
La bancarotta dell'Atac come l'«armageddon» grillino: migliaia di dipendenti da licenziare, i malconci bus arenati nelle rimesse, i treni della metro fermi sui binari dei depositi. Lo spettro del fallimento della più grande partecipata dei trasporti del Paese, un gigante malato da 12mila dipendenti e debiti da 1,3 miliardi, agita davvero i sonni della giunta pentastellata. Ma le carte, in questa fase, continua a darle il Campidoglio. Almeno fino al 26 gennaio, la data cerchiata di rosso sul calendario di Palazzo...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 11 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:21

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 42
QUICKMAP