Roma, unificazione Pra-Motorizzazione: in piazza i dipendenti Aci Informatica

«Gravi problemi occupazionali, prevedibile degrado dei servizi al cittadino, aumento di costi per gli automobilisti». Queste le motivazioni che domani spingeranno i dipendenti di Aci Informatica a manifestare sotto il ministero delle Infrastrutture e Trasporti a Roma. L'obiettivo è protestare contro il via libera al decreto legislativo che prevede la «razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, finalizzata al rilascio di un documento unico» approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri dello scorso 23 febbraio.

I rappresentanti sindacali di Aci Informatica, società del gruppo Aci con oltre 500 dipendenti, sottolineano che l'Automobile Club d'Italia è un Ente pubblico non economico autofinanziato che sopravvive senza ingenti finanziamenti da parte dello Stato. E ritengono di fatto inutile, anzi onerosa per lo Stato e per i cittadini, la procedura di unificazione tra Pra e Motorizzazione. Quella di domani è la terza protesta da parte dei lavoratori di Aci Informatica, che spingono per ottenere uno stop del decreto.
Lunedì 20 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-03-20 14:38:10
Se queste persone fanno un lavoro che serve allora non hanno nulla da temere dalla ristrutturazione. Se invece non servono a nulla e sono solo l'ennesimo carrozzone di raccomandati .... beh, allora non ce lo possiamo piu' permettere.
2017-03-20 14:01:22
E l'Aci ritiene di fatto inutile, anzi onerosa per lo Stato e per i cittadini, la procedura di unificazione tra Pra e Motorizzazione. Non e' affatto vero perche in qualsiasi paese del mondo la motorizzazione e' molto semplificata, senza Aci o agenzie di pratiche automobilistiche che fanno il bello e cattivo tempo con i cittadini. Essendo il sistema in altri paesi semplificatoL'automobilista per qualsiasi pratica comunica direttamente e velocemente con i vari centri a portata di mano della motorizzazione, abbreviando costi e tempi, e tante altre discussioni con ebeti di uffici privati. Sarebbe ora di finirla nel mettere il bastone fra le ruote a necessari e urgenti cambiameti, sappitte che la pacchia e' finita, trovatevi un'altro lavoro piu onesto.
2017-03-20 11:46:14
C'è sempre qualcuno che protesta se c'è qualche miglioramento dei servizi per il cittadino. La solita inutile classe burocratica che vede annullarsi i suoi privilegi
3
  • 288
QUICKMAP