Roma, morto in motorino a corso Vittorio, l'Argot riapre: una serata per Gabriele

di Maria Lombardi
«Mi raccomando, Susy e Ricky, vestiamoci di sorrisi. Stiamo facendo un sforzo immenso. Aiutateci», Massimo abbraccia gli amici all'ingresso dell'Argot. Lei fa un lungo sospiro prima di scendere le scale del locale e nasconde gli occhi rossi. «Anche voi, ricacciate le lacrime. Fatelo per Gabriele». E la grande famiglia di Gabri che la sera si ritrovava in via dei Cappellari 93 per una chiacchiera e un drink, adesso sorride con dolore per lui, il barman di 28 anni morto domenica alle 5,40 in uno schianto su corso...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 9 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:55
  • 609
QUICKMAP