In bilico su Corso Francia, la folle moda dei teenager: «Ma perché, è pericoloso?»

di Raffaella Troili
IL CASO Si muovono spigliati, come fossero di casa, su quel balcone affacciato sul Tevere, che viene spontaneo un «ti prego, piano», un brivido riflesso al centro dello stomaco. Giulio e Luca, 17 anni, hanno parcheggiato il motorino e scavalcato la balaustra del ponte delle Aquile, Corso Francia. Ora, ignari del pericolo si godono lo spettacolo: il fiume, lo stadio, il sole ancora alto. Sono arrivati da Corso Trieste, «è un posto carino, c'è una bella vista», rispondono educati, anche un po'...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 19 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-05-2017 14:35
  • 111
QUICKMAP