Roma, legate con i lacci delle scarpe: «Così firmava le sue violenze»

di Maria Lombardi
Le legava, stringeva i lacci delle scarpe attorno ai polsi e ai piedi dopo averle violentate. Cristi Popa, il muratore romeno di 25 anni accusato dello stupro di una schiava del sesso sulla Salaria e adesso anche della clochard di villa Borghese, non poteva immaginare di aver firmato in quel modo - secondo gli investigatori - le violenze. NEL PARCO La tedesca che viveva sotto gli alberi di villa Borghese l'ha soccorsa un tassista, la notte tra il 17 e il 18 settembre, se l'è trovata davanti mentre scendeva da piazzale...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 14 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15-10-2017 18:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-14 13:29:38
A Roma, città dove "si vive sotto gli alberi" (!) un romeno (non offendiamo i muratori..) fuggiva dalla guerra che dilania la Romania per venire a versare i contributi all'INPS. Che discarica!
1
  • 107
QUICKMAP