Zingaretti: «Anche nel Lazio obbligatorio il vaccino
per i bambini iscritti al nido». Ma M5S dice no

di Mauro Evangelisti
Dopo l'Emilia-Romagna, anche il Lazio renderà obbligatorio il vaccino per i bambini iscritti agli asili nido. Ha scritto il presidente della Regione, Nicola Zingaretti: «Obbligo di vaccinazione per i bimbi che vanno al nido: è una legge che proporrò in Consiglio regionale per combattere la diffusione di malattie pericolose e tutelare la salute dei più piccoli. Dopo l'Emilia-Romagna facciamo un passo avanti di civiltà anche nel Lazio».

Su questo tema si è già scatenato il dibattito. Il Movimento 5 Stelle in Emilia-Romagna ha votato no all'obbligo di fare vaccinare i bambini che vanno al nido. Anche nel Lazio la linea, stando alle prime dichiarazioni della capogruppo Silvia Blasi, vanno in questa direzione: «I vaccini sono utili, ma siamo contrari alla coercizione. Spingiamo sull'informazione».

Sel invece è favore della legge. Spiega Marta Bonafoni:  «Nella fascia 0-3 anni in cui è già dimostrato che stanno tornando patologie debellate con i vaccini, ci sia un atto di responsabilità che le istituzioni devo esercitare. Quella legge può essere uno strumento più che utile». D'accordo anche Rodolfo Lena (Pd), presidente della commissione Sanità: «E' assolutamente indispensabile che i bambini vengano vaccinati e questa proposta può essere l'apertura di un nuovo discorso anche nel Lazio».

Dall'opposizione di centrodestra, spiega Fabio De Lillo (Cuoritaliani): «Bene l’obbligo dei vaccini per i bambini iscritti all’asilo nido. Un provvedimento che sono pronto a sostenere perché va nella direzione di rafforzare la prevenzione a tutela dei più piccoli».
Mercoledì 23 Novembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 24-11-2016 08:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2016-11-24 09:43:48
Legge inutile che non contribuira' ad alzare le percentuali di vaccinati in Italia: I genitori che hanno gia' deciso di non vaccinare i figli non cambieranno idea soltanto per poterli iscrivere al nido, ma troveranno altre soluzioni. Vogliamo parlare poi di questi quattro vaccini obbligatori? 1) Il tetano non e' trasmissibile da persona a persona, quindi non ha senso costringere a vaccinare per proteggere altre persone. 2) l'antidifterica protegge SOLTANTO dalle tossine emesse dal batterio, *NON* impedisce la contrazione del virus (e quindi anche chi e' vaccinato puo' tranquillamente contagiare chiunque!!!) 3) L'epatite si trasmette soltanto con scambio di sangue o fluidi corporei (cosa alquanto improbabile che avvenga tra bambini 0-3 anni) 4) L'antipertosse provoca disturbi dell'apprendimento, ritardi mentali, ritardi motori (centinaia di casi documentati nel sistema di raccolta VAERS del CDC Americano). Di contro la malattia della pertosse in italia ha provocato un solo decesso dal 2002 ad oggi. Se comunque l'intenzione e' quella di introdurre l'obbligo vaccinale allora i nostri politicanti avranno sicuramente gia' ordinato le dosi singole dei vaccini o un vaccino quatrivalente che comprenda i soli vaccini obbligatori. Non pretenderanno certo di fare ai bambini il vaccino esavalente (unico disponibile ad oggi in Italia) che comprende anche due vaccinazioni NON OBBLIGATORIE. Sarebbe un reato in qualsiasi caso :)
2016-11-24 08:11:46
Il M5S dice no????? Ma che strano ......................... Come i bambini che, a una certa età dicono NO a ogni cosa. Che tristezza!!!!!
2016-11-23 23:01:59
Anche a questo i pentastellati dicono no! Ma quando cominceranno a FARE qualcosa......
2016-11-23 19:55:36
.franconegiallorosso19:07:03. " Per il M5S l'importante è essere contrari, non ha importanza a cosa." ..... Forse è perché si vogliono tenere distanti da quelli che secondo loro perderanno il referendum. Tecnica politicante ...
2016-11-23 19:07:03
Per il M5S l'importante è essere contrari, non ha importanza a cosa...
23
  • 5,4 mila
QUICKMAP