Roma, un chip per tracciare i rifiuti: la Raggi lancia il nuovo sistema

«Parte il nuovo modello di raccolta differenziata porta a porta, radicalmente diverso e innovativo, che verrà esteso su tutta Roma». Lo scrive in un post su Facebook, la sindaca di Roma Virginia Raggi. «Miglioramento dei servizi, maggiore efficienza ed economicità, più alte percentuali di raccolta differenziata sono gli obiettivi del nuovo sistema - continua il sindaco - Roma sarà la prima capitale europea ad utilizzare quasi esclusivamente contenitori e mezzi intelligenti dotati di tecnologia Rfid. Un chip consentirà di tracciare i conferimenti di ogni singola utenza offrendo una conoscenza puntuale e precisa del comportamento dei cittadini e la possibilità di applicare la tariffazione puntuale che fa pagare meno chi ricicla di più. Un calendario di raccolta più semplice ed efficace è stato studiato per facilitare i cittadini e garantire un utilizzo più razionale di personale e mezzi di AMA. Le esposizioni settimanali passano da 9 a 3».

Si parte nel X Municipio, dove il nuovo modello porta a porta sarà applicato a tutti i 230.000 abitanti, superando l'attuale doppio sistema in cui la raccolta domiciliare convive con quella stradale. «Un sistema inefficace - sostiene la Raggi - che ha provocato anche il fenomeno della migrazione dei rifiuti: chi non ha voglia di fare la differenziata porta a porta, va a pesare con i suoi rifiuti sui contenitori stradali più vicini, creando disagi e degrado». «Parallelamente al X Municipio, anche il VI Municipio parte con il nuovo modello - continua il sindaco - per superare le criticità del sistema attuale. Sono altri 260 mila abitanti e 4mila utenze non domestiche. Si arriverà quindi a circa 490 mila abitanti e 8.000 utenze non domestiche: l'equivalente di una grande città italiana. Nel corso del 2018 toccherà ai Municipi IX, VIII, I e II. Dal 2019, lo stesso modello sarà esteso al resto della città». «Per noi rifiuti zero è un obiettivo concreto da perseguire con impegno e determinazione. Il nuovo modello di raccolta è il primo passo operativo per raggiungere due importanti obiettivi della nostra pianificazione per Roma: 70% di raccolta differenziata per fine mandato e applicazione della tariffa puntuale».
Martedì 14 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:20

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-11-15 07:58:12
Ma questi geni del pensiero contemporaneo hanno pensato a chi esce la mattina alle 6 per andare a lavorare, rientrando la sera tardi? La immondizia se la porta sul posto di lavoro? Passano loro su appuntamento in ufficio? Ma a chi vengono in mente queste genialitĂ ?
2017-11-14 17:36:57
Balle!
2017-11-14 17:27:37
non capisco PORTA A PORTA, significa che un netturbino passerĂ  per i piani dello stabile a ritirare la differenziata ? ?
3
  • 53
QUICKMAP