Roma, in coma etilico a scuola: l'alcol comprato in un minimarket

di Raffaella Troili
Una bravata, si dice così. In gruppo anzi due gruppi. Poteva accadere a molti altri, più o meno ingenui. In qualsiasi altra scuola della capitale. Ma ora si prova a invertire la rotta. «Controlli più ferrei nei bagni e nel cortile». I ragazzi del Bertrand Russell escono da scuola alla spicciolata, raccontano quel che hanno loro comunicato i prof, «niente più accessi senza libretto, maggiore attenzione a quel che avviene durante la ricreazione», spiega un capannello di studenti del primo anno....
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 26 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 08:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 6
QUICKMAP