Roma, rogo del camper, le tre sorelle arse vive, ma del killer ancora nessuna traccia

di Alessia Marani
Arse vive. Con indosso ancora il pigiamino. Avvolte nel rogo del loro camper sul piazzale di fronte all'ingresso superiore del centro commerciale Primavera a Centocelle, forse nel sonno L'autopsia svolta ieri sui corpi delle tre sorelle Angelica, Francesca ed Elisabeth Halilovic, rispettivamente di 4, 8 e 20 anni, conferma il peggiore degli incubi. Il decesso, secondo quanto accertato dall'equipe guidata dal professore Antonio Oliva, non è dovuto ad asfissia ma proprio alla ferocia di quelle fiamme appiccate nella notte del...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Marted├Č 16 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:41

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-05-16 14:01:58
adesso va con Norbert cosi' e' sicuro di non essere catturato
2017-05-16 12:04:58
Se avessero chiuso i campi rom questa sciagura non sarebbe successa. In campagna elettorale lo dicono tutti ma nessuno ha il coraggio di metterlo in pratica, er solito magna magna dei soliti incompetenti incollati alle poltrone, i campi rom negli ultimi anni sono aumentati.
2017-05-16 09:15:31
Rogo del camper: il killer ancora in fuga. evidentemente tra le forze di polizia italiane e gli assassini slavi c'e' qualcosa che non va. E' il secondo killer slavo che non si riesce piu' a trovare. Io comincerei a preoccuparmi di come riescono a farla franca e a sfuggire alla cattura tutta questa massa di gente dell'est, e in Italia sono tanti........proprio tanti e una notevole parte sono delinquenti incalliti.
QUICKMAP