Deraglia il treno dei pendolari: paura sulla Roma-Viterbo

di Alessia Marani
Un treno della linea extraurbana Roma - Civita Castellana - Viterbo è deragliato venerdì mattina intorno alle 10. La tratta è rimasta interrotta fra Sant'Oreste e Catalano per consentire la rimozione del convoglio dai binari. Atac ha fatto sapere che il treno «viaggiava fuori servizio senza passeggeri a bordo». Il treno si stava dirigendo alla stazione di Acqua Acetosa per rinforzare il servizio urbano.

Non è la prima volta che l'extraurbano della vecchia Roma Nord deraglia. Era accaduto cinque anni fa all'altezza di Soriano nel Cimino: allora qualcuno aveva sabotato la linea mettendo tubi di ferro sula massicciata. 
 
 


"L'incidente è avvenuto lungo una curva la cui pericolosità era stata segnalata - afferma Renzo Coppini, segretario Sul ct - e dove vige la prescrizione di 30 km orari di andatura massima. Chiediamo che si faccia chiarezza fino in fondo sulle cause dell'ennesimo svio sulla tratta a tutela degli utenti e dei lavoratori". C'è anche un giallo. «Dopo il terremoto di agosto, per precauzione il limite massimo era stato portato a 15 all'ora, ma dopo l'uscita di scena dell'ex dg Marco Rettighieri, è stato rialzato - conclue il sindacalista -. Sono state fate tutte le opportune verifiche?». Dura la condanna dei pendolari che hanno commentato la notizia anche sul blog dell'Odissea Quotidiana: «Un disastro annunciato», dicono.

«Atac ha immediatamente attivato un'indagine interna - ha precisato l'azienda - L'incidente si è verificato in prossimità di curva con limitazione di velocità imposta a 30 Km/h e ha provocato l'interruzione del servizio nella porzione di linea interessata. L'azienda di conseguenza ha attivato un servizio sostitutivo di bus. L'evento è stato gestito in condizioni di massima sicurezza da Atac e non ha avuto nessuna conseguenza. I tecnici dell'azienda sono sul posto per riattivare prima possibile la linea». 

Il convoglio incidentato è stato rimosso sabato pomeriggio. C'è voluto tempo perché la gru potesse arrivare in aperta campagna e spostare il mezzo uscito dai binari. Il sito Atac dopo le 18 ha comunicato che la circolazione è stata riattivata verso Viterbo con il treno 612. Mentre la circolazione verso Roma viene riattivata con treno 617 delle ore 21.05. Il treno rimosso è stato portato nel deposito di Catalano e messo sotto sequestro. 
Venerdì 10 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 11-03-2017 18:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-03-11 17:55:38
La fortuna ha voluto che non ci fossero passegeri a bordo, ma poteva succedere anche con il treno a pieno carico...
2017-03-11 15:06:41
e poi dobbiamo sorbirci filippiche sull'alta velocitĂ  e vedere processi contro chi vorrebbe...........le cose semplici funzionare. italia gabbia di XXXXi
2017-03-10 18:48:12
Non c'erano pendolari, ATAC ha avviato una inchiesta, sono stati predisposti servizi alternati, non c'è stato nè un ferito nè un morto.......allora tutto a posto, di che si lamentano i pendolari? Un servizio così effecente merata solo il plauso di tutti!!!!!
2017-03-10 15:30:55
Deragliamento a 30Kmh? Ma manco nell'800.
2017-03-10 14:40:35
Non siamo alla frutta, siamo all'ammazzacaffè. Da ex-trenopendolare, la mia solidarietà va ai pendolari, finché dureranno gli inevitabili disagi...
6
  • 5,5 mila
QUICKMAP