Il ruolo Capitale/ Dall’autoesclusione alla consapevolezza

di Mario Ajello
Battibeccano Beatrice Lorenzin e Virginia Raggi. Si punzecchiano a proposito dell’Ema.  E il loro contraddittorio esemplifica e conferma quanto fosse giusta la denuncia di questo giornale sull’inerzia mostrata da ambo i lati, da parte del governo della Capitale e del governo nazionale, nella cruciale partita sulla sede dell’agenzia del farmaco. «Grandissimo errore - dice la Lorenzin alla Raggi - non aver candidato Roma come sede Ema. Avevate chance». «Io volevo quell’agenzia», replica la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 24 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-11-24 16:31:09
Se Milano fosse stata una candidatura forte non si arrivava nemmeno al sorteggio, evidentemente il governo non ha fatto abbastanza. Secondo me il problema è che il governo italiano è isolato,non fa squadra con nessuno. I piccoli paesi dell'est in più con la Polonia fanno squadra e riescono ad ottenere molto in Europa bilanciando lo strapotere della Germania, idem i paesi nordeuropei. Invece qui non si è riusciti ad allearsi con nessuno,neppure con paesi come Francia,Spagna e Grecia,anzi pare che sia stata proprio la Spagna a tirarci il bidone alla fine.
2017-11-24 14:23:27
Cercate di essere corretti intellettualmente: " “Nella fattispecie, per quanto riguarda il trasferimento dell’Ema a Roma non si tratta di accogliere favorevolmente o meno una tale iniziativa o, peggio ancora, di aprire battaglie geo-politiche tra due città come Roma e Milano, ma basta avere il buon senso di pensare che a Roma è presente l’Aifa, nonché l’Istituto superiore di sanità, il che di per sé già questi due aspetti costituiscono due validi motivi per comprendere, in termini sinergici, i vantaggi che proprio un trasferimento dell’Ema nella Capitale produrrebbe. Soprattutto, e questo e’ il principio che piu’ ci interessa, nel riflesso positivo che avrebbe sulla sanita’ pubblica”
2017-11-24 14:22:40
"La romana di NCD Beatrice Lorenzin, ministra della Sanità, fa infatti sapere che è favorevole a vedere a Milano l’Agenzia Europea del Farmaco, piuttosto che a Roma. Per la Lorenzin “la Lombardia è stata e continua ad essere una delle regioni più evolute dal punto di vista sanitario”, questo “non solo per l’efficienza sanitaria ma per quella industriale” con cui questa regione “ha saputo affiancare agli ospedali e ai centri di cura grandi centri di ricerca a livello scientifico”. L’alleata al governo con il democratico Zingaretti preferisce il democratico Sala (e Maroni come governatore al posto di Zingaretti)."
2017-11-24 12:29:37
Altro giro altra sola. Curioso, ma la Raggi c'e` sempre di mezzo quando c'e` una fregatura.
2017-11-24 09:23:33
era piu' interessata a dedicare il suo tempo a come far avere gli 800 euro al mese ai Rom per affittarsi casa
8
  • 2
QUICKMAP