Tevere, il piano non c'è: per evitare esondazioni serve almeno un anno

di Fabio Rossi
Anni di rimpalli di responsabilità - tra Governo, Autorità di bacino, Regioni (Lazio e Umbria), Provincia (ora Città metropolitana) e Campidoglio - per lasciare il fiume in condizioni sempre peggiori, alla mercé di ogni ondata di maltempo e di ogni piena che passa (se tutto va bene) sotto i ponti. Le grandi opere sono di competenza nazionale, ma la manutenzione ordinaria del letto del fiume e dei suoi argini, nell'attraversamento della Città eterna, si perde tra mille rivoli. E troppo spesso non si...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:48
QUICKMAP