Roma, uccisi con coltellate al cuore: l'evaso indagato anche per l'omicidio del magrebino

È indagato anche per l'omicidio del magrebino ucciso in uno stabile abbandonato in zona Ponte Mammolo il trentacinquenne Emanuele Veronesi, già fermato per il delitto di una transessuale romena di 27 anni trovata senza vita all'Eur all'interno del Parco del Turismo.
Il pm Alberto Pioletti ha chiesto per il trentacinquenne la convalida del fermo e l'interrogatorio dovrebbe svolgersi in carcere mercoledì prossimo. Il trentacinquenne romano con precedenti per tentato omicidio e per reati contro il patrimonio, era evaso dagli arresti domiciliari e si era disfatto del braccialetto elettronico. Secondo gli inquirenti, sarebbe lui ad aver ucciso due volte nel giro di 24 ore, per tutte e due le vittime colpi al petto con un piccolo pugnale. 
Luned├Č 13 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:29

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-11-14 06:15:37
Chi ha dato l'agevolazione dei domiciliari dovrebbe come minimo perdere il lavoro, trasferirlo alla nettezza urbana per non scontrarsi con i sindacati o similari.
2017-11-13 20:01:46
Ma chi ha inventato questi maledetti domiciliari?
2017-11-13 20:00:56
Grazie,giudice!
3
  • 3
QUICKMAP