Ostia Antica "svela" la vita dei romani: due giorni di rievocazioni tra chef, medici e artisti

di Laura Larcan
Due giorni per conoscere "dal vivo" secoli di vita quotidiana nell'antica città di Ostia, baluardo portuale dell'impero romano. Le strade del parco archeologico tornano ad animarsi con i commercianti e gli artigiani che in antichità qui svolgevano le loro attività. Tutto perfettamente rievocato, seguendo fonti storiche e affreschi d'epoca. Venerdì 29 settembre e sabato 30 settembre, va in scena "Ostia Revivit"  la manifestazione organizzata in collaborazione tra il Parco Archeologico di Ostia antica e le Associazioni S.P.Q.R., Mos Maiorum e Romanitas, che coinvolgeranno visitatori e bambini, nei panni degli antichi romani come raffigurati negli affreschi giunti fino a noi. Nel Piazzale delle Corporazioni e lungo il Portico di Pio IX (il Cardo Maximus), saranno allestite le botteghe didattiche dalle quali uomini e donne, in variopinte tuniche e fibule racconteranno al pubblico i segreti della vita quotidiana nell'antica città.
 

CACCIA AL TESORO «Ampio spazio sarà dedicato alle attività artigianali legate alla lavorazione dei marmi, alla realizzazione di affreschi e mosaici, alla modellazione della ceramica e alla tessitura e alla tintura delle stoffe, alla coniazione delle monete» spiega la responsabile dei servizi didattici di Ostia Antica, Claudia Tempesta, «con spiegazioni (non solo in italiano) e dimostrazioni pratiche che permetteranno al pubblico di approfondire la conoscenza dei materiali e delle tecniche di lavorazione utilizzate in antico». «Si potrà giocare con una caccia al tesoro a misura dei più piccoli - continua Claudia Tempesta - Le ricerche si snoderanno tra le aree didattiche ed alcuni dei monumenti inseriti nel percorso di visita, con l’obiettivo di permettere ai bambini, accompagnati dalle loro famiglie, di avvicinarsi in maniera ludica alla comprensione dell’antico». La visita al sito e la caccia al tesoro si svolgeranno con l’ausilio di brochures e di mappe del sito distribuite gratuitamente. 

IL TOUR Gli argomenti trattati nelle aree didattiche daranno lo spunto per una visita tematica agli Scavi. Un percorso tra le strutture originali destinate alle attività artigianali e commerciali: ad Ostia, infatti, si conservano i locali del thermopolium della Via di Diana, il mulino del Silvano, la fullonica di Via degli Augustali o la taberna dei Pescivendoli. La visita prosegue anche negli spazi della vita quotidiana, come il Foro, le terme o la latrina, e tocca gli edifici che custodiscono gli apparati decorativi ad affresco e a mosaico realizzati dagli artigiani del tempo, come il Caseggiato del Serapide o le Terme dei Sette Sapienti. Senza tralasciare il museo e l’area espositiva dei marmi di cava provenienti dal Canale di Fiumicino.

LA VITA DEI ROMANI L’obiettivo principale della manifestazione è quello di offrire al pubblico uno strumento agile e coinvolgente per conoscere ed approfondire i vari aspetti della vita dei Romani nei luoghi in cui essa quotidianamente si svolgeva, ma anche di ridare vita per due giorni alle strade, alle case e alle botteghe di Ostia. «Per suggerire al vasto pubblico dei visitatori uno dei significati più profondi della ricerca archeologica - riflette il direttore del Parco archeologico, Mariarosaria Barbera - lo studio degli oggetti e degli edifici antichi per leggere in quegli stessi manufatti le tracce materiali delle azioni e la vicenda degli uomini che li hanno pensati, realizzati, utilizzati, e, alla fine, lasciati in eredità a noi tutti». 
Venerd├Č 29 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 02-10-2017 11:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 1,1 mila
QUICKMAP